La 500 in mostra al Moma di New York

Domenica 10 febbraio è stata esposta per la prima volta al grande pubblico la Fiat 500 serie F acquistata nel 2017 dal Museum of Modern Art di New York. E fino al 15 giugno 2019 il prezioso esemplare potrà essere ammirato all’interno di “The Value of Good Design”, la mostra che racconta la storia del design industriale attraverso la raffinata collezione MoMA.

Il modello in mostra al MoMA è la 500 serie F, la 500 più famosa di sempre, prodotta tra il 1965 e il 1972. Se si contano le altre versioni (Sport, D, L, R) di prima generazione, ricorda una nota stampa, tra il 1957 e il 1975 sono stati prodotti in totale più di quattro milioni di esemplari. Se poi si sommano le 500 realizzate dal 2007, anno del lancio nuovo modello, a oggi si supera la quota di sei milioni di unità, tanto da farne uno dei modelli Fiat più venduti di tutti i tempi.

Progettata da Dante Giacosa e lanciata nel 1957, la Fiat “Nuova” 500 è stata concepita come auto economica per la motorizzazione del continente europeo del dopoguerra. Alla base, infatti, c’è l’idea che il design di qualità debba essere accessibile a tutti. Ecco perché nonostante le dimensioni esterne ridotte, il design di Giacosa massimizzava il volume interno, riuscendo a creare uno spazio sorprendentemente ampio, tale da poter accogliere quattro passeggeri. Il tettuccio in tessuto pieghevole di serie conferiva a quest’auto economica un tocco di gran lusso, riducendo al contempo l’utilizzo dell’acciaio, materiale prezioso per l’epoca, necessario per la sua produzione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile