Mastercard ora ha un logo musicale: l’80% dei nostri clienti già ci riconosce dai cerchi rosso e giallo

Se il nome di Mastercard scompare eccolo riapparire e farsi sentire in modo ancora più potente grazie a un ‘mogo’, (un musical logo o logo musicale) molto versatile firmato da Mike Shinoda, rapper e cantautore americano. Sembra questa la filosofia che ispira l’articolata strategia di rebranding dell’imponente organizzazione finanziaria e marchio della società di carte di credito voluta da Raja Rajamannar, capo del marketing e della comunicazione mondiale.

“Abbiamo voluto togliere dal logo il nome Mastercard e lasciare solo i due cerchi rosso e giallo dopo aver studiato attentamente per due anni i mercati e i rispettivi consumatori”, spiega Rajamannar che in questi giorni sta girando il mondo per comunicare l’imponente cambiamento di passo. “Uno studio accurato ci ha rivelato che l’80% dei nostri clienti dall’India all’Europa, dall’America all’Africa riconosce Mastercard dal logo visivo. Stiamo ora declinando la musica di Shinoda in varie misure di tempo e adattandola ai differenti mercati”.

Il mogo infatti è destinato a rappresentare il marchio dovunque: dalla musica di accoglienza e attesa dei vari call center a un istantaneo – ma pur sempre riconoscibile – ritornello al momento in cui si paga con la carta di credito. “E’ una musica eclettica e quindi capace di essere riadattata non solo in termini di misure temporali ma anche secondo le diverse zone geografiche”. Rajamannar, che è stato appena riconosciuto come ‘Global Marketer del 2018’ dalla Federazione mondiale dei pubblicitari (Wfa), ribadisce che “il sound aggiunge una nuova e potente dimensione all’identità del nostro brand” e costituisce “una componente fondamentale per far sì che le persone riconoscano Matercard oggi e nel prossimo futuro”.

L’ambizioso progetto è stato frutto di uno studio approfondito che ha coinvolto musicisti e studiosi di musica, esperti di marketing e professionisti di strategie di comunicazione per fare i conti con un bacino di utenza che solo nel 2017 ha realizzato un fatturato pari a circa 12 miliardi e mezzo di dollari.

L’evoluzione del logo Mastercard

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria