13 febbraio L’Isola supera la Champions e La Porta Rossa. Gruber batte Palombelli e Berlusconi

Il calcio in chiaro e a pagamento, il ritorno del fantasma del commissario Cagliostro su Rai2, l’ospitata di Silvio Berlusconi in access su Rete 4, con il fondatore di Fininvest e di Forza Italia che così ha già abbinato un’altra presenza non solo simbolica nei palinsesti di Cologno, dopo il passaggio di domenica scorsa da Barbara D’Urso a ‘Domenica Live’. Anche da Barbara Palombelli, come aveva fatto dalla D’Urso, il leader di Forza Italia ha rimproverato duramente gli italiani che accordano i propri favori al governo gialloverde.

In prima serata c’erano tante cose forti da vedere mercoledì 13 febbraio: il calcio della Champions League (senza italiane), il reality vip di Canale 5 (fin qui in crisi, in nuova collocazione), l’atteso esordio della seconda stagione de ‘La Porta Rossa’ si contendevano virtualmente il primato degli ascolti.

 

Per capire realmente chi abbia vinto, il risultato dei meter va stavolta decodificato. Se si considerano gli ascolti, la graduatoria mette in fila Aiax-Real (a 3,5 milioni e 13,8% su Rai1), la fiction con Lino Guanciale e Gabriella Pession (buon esordio a 3,043 milioni e 12,5% su Rai2), e ‘l’Isola dei famosi’ su Canale 5 (in crescita a 2,885 milioni ed il 17,3%). L’indicatore dello share lo suggerisce in parte, ma è soprattutto l’analisi delle curve che racconta come a vincere la serata sia stata l’ammiraglia del Biscione.

A partire dall’access: ‘Striscia la Notizia’, infatti, ha battuto il primo tempo della partita e poi Alessia Marcuzzi è prevalsa sulla seconda frazione di gioco della sfida di Amsterdam, vinta di misura dai madrileni.

Il finale del match su Rai1 (intorno alle 22.45) e quello della storia noir di Rai2 (alle 23.50) si sono avvicinati ai risultati della trasmissione sugli spiaggiati famosi, ma il predominio complessivo della rete guidata da Giancarlo Scheri è stato chiaro. Una buona notizia per il direttore, dopo il crollo clamoroso della sera prima e le difficoltà incontrate da alcune delle trasmissioni bandiera (reggono bene, però, le proposte del venerdì e del sabato e il day time).

 

Notizia corroborante pure per il predominio chiaro dell’Isola in seconda serata, in netto vantaggio su Bruno Vespa e ‘Porta a Porta’.

Tornando alla prima serata, va registrato che giù dal podio è arrivata Federica Sciarelli, ma mostrando però la solita resilienza (su Rai3 ‘Chi l’ha visto?’ si è confermato a quota 2,241 milioni e 10,24%). Sciarelli ha staccato chiaramente Italia 1 (‘Il mistero dei templari-National Treasure’ ha conseguito 1,432 milioni di spettatori e il 6,6%), l’ultima puntata dello show di Piero Chiambretti su Rete 4 (‘La Repubblica delle donne’, in calo a 774mila e 4,1%), il film vintage di La7 (‘Caccia a Ottobre Rosso’ 663mila e 2,9%).

In access, tra i talk, la sfida era molto più interessante del solito, e non solo per la concomitanza delle partite di Champions League in chiaro e a pagamento. Su La7 ‘Otto e mezzo’ con Armando Siri, Luca Telese e Corrado Formigli ospiti di Lilli Gruber, ha conquistato 1,868 milioni di spettatori e il 7,05% di share.

Su Rete4 ‘Stasera Italia’, con Silvio Berlusconi ospite di Barbara Palombelli, ha avuto 1,3 milioni di spettatori e il 5,04% di share nella prima parte e poi 1,431 milioni e 5,34%. Palombelli ha corso in rimonta sull’avversaria ed è cresciuta quando la Gruber ha chiuso (prima di lei) i battenti. I meter dicono dunque che Gruber ha vinto facile anche ieri, ma che un benefico, moderato ‘effetto Berlusconi’ sugli ascolti della trasmissione di Rete 4 c’è stato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria