14 febbraio Che Dio ci aiuti stacca Ficarra & Picone, Formigli (con scoop) umilia Popolo Sovrano

Finita la sbornia sanremese, in un giovedì tornato ricco di novità e di opzioni televisive attraenti, a dominare in prima serata è stata ancora la fiction Lux con Suor Angela (Elena Sofia Ricci) protagonista.

Su Rai1 ‘Che Dio ci aiuti’ ha ottenuto 5,134 milioni di spettatori e il 23,04%, lasciando a distanza la commedia in prima tv su Canale 5.

‘L’Ora Legale’, successo nelle sale e perfino di critica con Ficarra & Picone protagonisti, ha raccolto ‘solo’ 3,164 milioni di spettatori con il 14,13%.

Terza proposta più vista di serata è stata, di fatto, il calcio dell’Europa League. Zurigo-Napoli, vinta fuori casa dalla squadra di Carlo Ancelotti per tre a uno, ha conseguito 1,330 milioni di spettatori su Tv8 e, se si considera pure l’emissione pay, il match è arrivato a quota 2,1 milioni con l’8,6% della platea sintonizzata.

Ma la migliore prestazione di serata l’ha fatta Corrado Formigli, che ieri doveva affrontare la concorrenza di genere ‘indiretta’ di Roberto Giacobbo su Rete 4 quella invece frontale di ‘Popolo Sovrano’, al battesimo su Rai2, prodotto molto caro al direttore Carlo Freccero.

Sfoderando un altro scoop e tanti ospiti, ‘Piazzapulita’ ha sfiorato quota 1,2 milioni di spettatori con il 6,8% nella sua durata sterminata (è terminato poco prima dell’una di notte), battendo la partita su Tv8 e lasciandosi dietro – oltre alle trasmissioni di Rete 4 (‘Freedom’ a 998mila e 4,7%) e Rai2 (‘Popolo Sovrano’ a 521mila e 2,7%) – anche i film di Rai3 (‘The Founder’ a 1,011 milioni e 4,3%) e Italia 1 (‘Survivor’ 967mila e 4,2%).

Dopo il fuori onda tra Angela Merkel e Giuseppe Conte, ieri Formigli ha proposto un altro colpo giornalistico a sensazione: l’intervista a Christian Chalencon, il gilet giallo incontrato da Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista alcuni giorni fa. Nel servizio anche il momento in cui, pensando di non essere registrato, Chalencon sostiene che contro Emmanuel Macron sono pronte a scendere in piazza anche forze paramilitari. In tutta la fase in cui ha avuto in studio a discutere Giovanni Floris, Peter Gomez, Maurizio Belpietro, Piercamillo Davigo e Carlo Calenda, Formigli è rimasto poco sotto i 2 milioni di spettatori, terzo assoluto tra i prodotti delle generaliste.

 

Catastrofico, invece, su Rai2, è stato l’esordio del programma succeduto a ‘Nemo’.

L’approfondimento affidato ad Alessandro Sortino, Eva Giovannini e Daniele Piervincenzi (tra gli ingredienti della trasmissione di ieri anche un servizio di Piervincenzi, già ‘vittima’ dei cazzotti degli Spada ad Ostia, che stavolta è stato aggredito nel quartiere Rancitelli di Pescara), si è fermato a soli 520mila spettatori e il 2,66%, rimanendo sempre molto sotto la linea salvifica del 5%.

In seconda serata, trainato dalla suora della Lux e con Silvio Berlusconi ospite della prima parte, ha vinto facilmente Bruno Vespa (1,157 milioni di spettatori e 13,24% di share per ‘Porta a Porta’).

In access solita vittoria de La7 su Rete 4 nella sfida tra i talk giornalistici. ‘Otto e mezzo’, con Massimo Giannini, Andrea Scanzi e Sarina Biraghi ospiti di Lilli Gruber, ha avuto 1,816 milioni di spettatori e il 7,32% di share.

‘Stasera Italia’, con Maurizio Gasparri, Antonio Maria Rinaldi, Pierferdinando Casini e Sabrina Scampini ospiti di Barbara Palombelli, ha conquistato 1,178 milioni di spettatori e il 4,87% di share nella prima parte e 1,144 milioni di spettatori con il 4,51% nella seconda parte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider