Turchia: confermate in appello le condanne al carcere per i giornalisti di Cumhuriyet

Un tribunale turco il 19 febbraio, ha confermato in appello la condanna per terrorismo di 14 giornalisti e amministratori del quotidiano di opposizione laica Cumhuriyet, cui lo scorso aprile erano state comminate pene da 2 anni e mezzo a 7 anni e mezzo per aver sostenuto Fethullah Gulen, considerato la mente dietro il fallito golpe del luglio 2016.

Recep Tayyip Erdogan (foto Olycom)

Nello specifico, i giudici hanno confermato le condanne per i giornalisti Hakan Kara e Guray Oz, per il vignettista Musa Kart, l’avvocato Mustafa Kemal Gungor, il componente del board Onder Celik e l’impiegato Emre Iper, che dovranno tornare in prigione per finire di scontare la pena. Stando a quanto riporta lo stesso Cumhuriyet, anche l’ex direttore Murat Sabuncu, il giornalista Ahmet Sik, Hikmet Cetinkaya, Orhan Erinc, Akin Atalay e Aydin Engin dovranno tornare dietro le sbarre in attesa che il tribunale si pronunci sul ricorso in appello.
Hanno invece già scontato la pena il giornalista Kadri Gursel e l’avvocato Bulent Utku. Già prima che i giudici si pronunciassero in primo grado, infatti, giornalisti e lavoratori del quotidiano erano stati tenuti in stato di detenzione preventiva per diversi mesi, in alcuni casi oltre un anno.

Il processo è diventato uno dei simboli delle limitazioni alla libertà di stampa nel Paese di Recep Tayyip Erdogan. Nella graduatoria 2018 di Reporters sans Frontières sulla libertà di stampa, la Turchia è risultata al 157/mo posto su 180 Paesi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Sangiuliano: contesteremo punto per punto le motivazioni Agcom

Rai, Sangiuliano: contesteremo punto per punto le motivazioni Agcom

Giornalismo, grazie alla tecnologia Npl gli articoli di ‘Not Real News’  li scrive il computer

Giornalismo, grazie alla tecnologia Npl gli articoli di ‘Not Real News’ li scrive il computer

Festival del Giornalismo alimentare a Torino: dal ‘doggy bag’ alla ‘spesa che sfida’

Festival del Giornalismo alimentare a Torino: dal ‘doggy bag’ alla ‘spesa che sfida’