19 febbraio Beppe Fiorello stravince ma non fa il botto. Freccero ok col Collegio, non incide col Tg2 Post

Ha stravinto la serata tv Beppe Fiorello, ma forse è rimasto un po’ sotto i suoi standard.

Ieri su Rai1 il film tv ‘Il mondo sulle spalle’, basata su una storia vera e con l’attore di Augusta protagonista, ha conquistato 5,8 milioni di spettatori ed il 23,9% di share.

Staccatissima è arrivata la replica di ‘Quo Vado’ su Canale 5: il film di Checco Zalone, che era già passato in avvio di autunno sull’ammiraglia del Biscione, stavolta ha conseguito 3 milioni circa di spettatori ed il 12,4% di share.

Il bilancio di Beppe Fiorello e quello della sua Ibla Film – cui Rai1 ha per adesso stoppato ‘Tutto il mondo è paese’, su Riace e Mimmo Lucano – si può considerare inferiore alle attese. L’ultima prova dell’artista siciliano su Rai1, ad esempio, ‘I Fantasmi di Portopalo’, aveva portato a casa oltre 6,6 milioni di spettatori ed il 25,4% di share. Un risultato, quello de ‘Il Mondo sulle spalle’, che finisce per valorizzare ancora di più il successo ottenuto sette giorni prima da ‘Io sono Mia’, sempre su Rai1, il film tv sulla vita di Mia Martini con Serena Rossi protagonista, che era stato capace di ottenere 7,727 milioni di spettatori con il 31% di share.

C’è da considerare, comunque, la concorrenza forte che la fiction di Rai1 ieri sera ha dovuto affrontare.

Ha risalito la china ed ha conquistato il terzo posto sul podio ‘Il Collegio’ su Rai2. Ben realizzato, nella versione frecceriana che evoca il ‘68, il docureality di Magnolia ha ottenuto quasi 1,9 milioni di spettatori ed il 7,8%, lasciandosi alle spalle sia ‘Le Iene Show’ (in calo secco a 1,567milioni e 8,6% su Italia 1), che una super puntata di ‘DiMartedì’ su La7.

Con la votazione in commissione dei grillini pro Salvini, l’arresto ai domiciliari per i coniugi Renzi, i problemi dell’economia in primo piano, Giovanni Floris ha ospitato in sequenza Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Nicola Zingaretti e Piercamillo Davigo, conquistando complessivamente 1,421 milioni di spettatori ed il 6,4%, ma rimanendo terzo fino a quasi le 23.00.

Si è difesa dignitosamente, in questo contesto, Rete 4 con le sue soap: ‘Il Segreto’ a 1,6 milioni e il 6,1% e ‘Una Vita’ a 1,186 milioni e il 5,3%.

Con una scaletta palesemente più debole di quella della concorrenza diretta, è comunque riuscita a superare quota 1 milione Bianca Berlinguer. Su Rai3 ‘#Cartabianca’ ha totalizzato 1,035 milioni di spettatori e il 4,7% con Mauro Corona in apertura e poi Sarah Varetto, Manlio Di Stefano, Graziano Del Rio, Massimo Cacciari, Andrea Scanzi tra gli ospiti.

Il tutto in una serata in cui la pay tv trasmettendo in esclusiva la Champions League, con Lione-Barcellona, Liverpool-Bayern Monaco e la Diretta Gol delle due partite on air, ha raccolto quasi 1 milione di spettatori ed il 3,8% di share.

In seconda serata, stavolta, ‘Le Iene’ hanno battuto di misura Rai1. ‘Porta Porta’, con la politica nella prima parte, quindi l’intervista di Bruno Vespa a Manuel Bortuzzo e in chiusura il focus sull’economia, ha conquistato 1,3 milioni di spettatori e 13,4% di share).

In access su La7 ‘Otto e mezzo’, con Gianrico Carofiglio, Alessandro Sallusti e Alfonso Bonafede ospiti di Lilli Gruber, ha avuto 2,062 milioni di spettatori e il 7,83%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Maurizio Belpietro, Giovanni Minoli, Dino Giarrusso ed Ettore Rosato da Barbara Palombelli, ha conquistato1,268 milioni e 4,96% e 1,209 milioni e 4,54%.

Non incide per adesso negli equilibri tra i talk più rodati l’approfondimento del tg della seconda rete: ‘Tg2 Post’ è arrivato a 1,138 milioni e il 4,28% con Peter Gomez e Claudio Cerasa ospiti di Francesca Romana Elisei (ma per una durata di soli venti minuti).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale