21 febbraio Vince Suor Angela, crolla Scotti, bene l’Inter su Sky e Tv8. Per Freccero doppio flop

Articolata presenza di generi televisivi nella serata tv del 21 febbraio. Varietà di proposte che non ha frammentato più di tanto gli ascolti e non ha salvato alcune reti dal flop, in qualche caso clamoroso. Molto male ha fatto, in particolare Rai2. Non è bastato Matteo Salvini, ad esempio, a tirare fuori dalle secche ‘Tg2 Post’, anche ieri nettamente perdente dopo il tg della sera. E anche alla seconda puntata, subito dopo sulla stessa rete, è andato malissimo ‘Popolo Sovrano’, erede del già poco brillante ‘Nemo’.

Ha vinto facile la partita degli ascolti Rai1. La fiction ‘Che Dio ci aiuti’ ha conquistato 5,265 milioni di spettatori e il 23,6% nella media dei due episodi trasmessi, praticamente doppiando l’ammiraglia rivale.

Gerry Scotti – che aveva fatto bene al venerdì, battendo in qualche caso Paola Perego e ‘Superbrain’ – trasferito da Canale 5 al giovedì, in concomitanza con le partite di Europa League, ha perso molti seguaci del game show: ‘Chi vuol essere milionario?’ ha portato a casa solo 2,3 milioni di spettatori e l’11,9%.

Sul terzo gradino del podio si è installata Tv8, che trasmettendo in chiaro ‘Inter-Rapid di Vienna’, vinta col goleada dai nerazzurri, ha conseguito 1,367 milioni di spettatori e il 5,5%. Se si considera pure il pubblico a pagamento su Sky, il bilancio del match del Meazza sale a 1,952 milioni di spettatori ed il 7,8% di share, e si tratta senza dubbio di un buon risultato se si considera che la squadra di Luciano Spalletti era già praticamente qualificata dopo la vittoria fuori casa al primo turno.

Senza scoop, stavolta, proponendo un focus iniziale sull’economia, chiamando tra gli ospiti Giorgio Cottarelli, Claudio Borghi e Pierluigi Bersani, ha fatto bene Corrado Formigli: su La7 ‘Piazzapulita’ si è attestato a 1,141 milioni di spettatori e il 6,39% lasciandosi molto dietro il film di Italia1 (‘Point Break’ 1,088 milioni e 4,7%) e quello di Rai3 (‘Il caso Spotlight’ a 1,076 milioni e 4,5%), nonché la versione remix di ‘Freedom’ su Rete 4 824mila e 4,2%).

In coda, in lievissima crescita, ma con risultati largamente sotto le aspettative è arrivato come detto su Rai2 un già rivisitato  ‘Popolo Sovrano’. Il programma di attualità e approfondimento della nuova linea di Carlo Freccero, con Alessandro Sortino, Eva Giovannini e Daniele Piervincenzi alla conduzuione e tra gli ospiti Luca Carabetta, Antonella Caporale, Pierluigi Battista, Francesco Giorgino e Mario Sechi, ha avuto solo 569mila spettatori e il 2,79%.

Un risultato deludente che, come anticipato, fa il paio con quello che il Tg2 ha conquistato con la propria novità per l’access prime time. Se nella sfida delle ammiraglie ‘I Soliti Ignoti’ ha battuto ‘Striscia la Notizia’, in quella dei talk ha stravinto La7.

‘Otto e mezzo’, con Marco Travaglio, Marco Damilano e Elena Fattori ospiti di Lilli Gruber, ha avuto 2,046 milioni di spettatori e il 7,87% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Fabio Massimo Castaldo, Antonio Caprarica, Maurizio Belpietro e Simona Bonafè ospiti di Barbara Palombelli , ha conquistato 1,188 milioni di spettatori e il 4,74% di share nella prima parte e 998mila spettatori e il 3,78% nella seconda parte.

Su Rai2 ‘Tg2Post’ con Matteo Salvini tra gli ospiti di Francesca Romana Elisei,si è fermato a959mila spettatori e con il 3,64%.

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente