24 febbraio Fazio primo per ascolti, ma Preziosi e Ricci lo battono. Giletti si difende con Renzi

Serata tv di domenica 24 febbraio complicata da decodificare, per gli aspetti ‘politici’ e quelli inerenti i veri equilibri degli ascolti tra un programma e l’altro. C’erano infatti Roberto Saviano e quindi Andrea Camilleri (in collegamento, mentre in studio c’era Francesco Scianna che promuoveva la fiction ‘La stagione della caccia’, stasera in onda su Rai1) a ‘Che tempo che fa’, alle prese con Massimo Giletti che nella prima ora di ‘Non è L’Arena’ ha ospitato Matteo Renzi (sette giorni prima passato da Fabio Fazio). Ma c’era pura la partita tra il talk di Rai1 e la nuova fiction di Canale 5, ‘Non Mentire’, che sette giorni prima aveva vinto la sfida. E poi i confronti tra ‘The Good Doctor’ e ‘Le Iene’, con Rai3 e Rete4 che cercavano di evitare l’ultima posizione.

Ebbene, per ascolti ha vinto la serata la prima parte di ‘Che tempo che fa’. Aprendo Saviano, Scianna e Camilleri, ospitando Teo Teocoli e Massimo Boldi, Vittorio Sgarbi e quindi Antonio Tajani, in scaletta dopo Luciana Littizzetto, Fazio ha conquistato 3,867 milioni di spettatori e 14,7%.

Meno spettatori e meno share ha avuto stavolta ‘Non Mentire’ su Canale 5 (3,328 milioni e 14,13%), ma se si considera il periodo in sovrapposizione tra le due trasmissioni (compreso il ‘tavolo’ faziano) a prevalere è stata la fiction dell’ammiraglia commerciale (3,328 milioni e 14,13%), in lieve vantaggio sul programma della prima rete pubblica (3 milioni e 12,84%).

Interessante e piena di spunti contraddittori l’analisi della curva degli ascolti. In access a vincere è stata ‘Paperissima Sprint’, ma con ‘Che tempo che fa’ (picco da 4,5 milioni alle 21.21 con Camilleri, Scianna e Saviano) e ‘Non è L’arena’ (2,251 milioni alle 21.31 con Renzi in onda) che hanno dato il massimo nei propri momenti più politici e intensi.

La graduatoria dei meter dice poi che su Rai2 ‘The Good Doctor’ (2,488 milioni e 9,73% nella media dei due episodi) ha battuto ‘Le Iene’ (1,865 milioni e 10% su Italia1), ma con il programma di Davide Parenti leader in seconda serata davanti a Rai1 dalle 23.40 in avanti.

Un’ottima prestazione, destabilizzando un po’ il quadro l’ha fatta su la pirotecnica, Fiorentina-Inter, finita tre pari al minuto 101, con ben 1,752 milioni di spettatori e il 6,7% su Sky.

Tutto sommato buona è stata la prestazione su La7 di ‘Non è L’Arena’, a 1,2 milioni e il 6,1%. Giletti, dopo Renzi, ha affrontato il cosiddetto ‘caso Collovati’ (ex giocatore e commentatore messo in pausa a ‘Quelli che il calcio’ per dichiarazioni sessiste) e poi ha chiuso parlando dello spaccio di droga nel bosco di Rogoredo ospitando Fabrizio Corona.

Nell’ultima mezzora, ampiamente dopo mezzanotte, terminato il tavolo di Fazio, Giletti è stato secondo dietro ‘Le Iene’.

Tornando al rpime time, nelle posizioni di retroguardia Rai3 ha fatto così così con la versione estesa di ‘Grazie dei fiori’ (1,142 milioni e 4,3%), e poi, prima delle 22.00, ha fatto male con lo’ Speciale del Tg3′ dedicato alle elezioni regionali in Sardegna (2,7%). In coda, infine, è arrivata Rete4 con il film action ‘Tokarev’ (716mila e 3%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva