Warc Creative 100: ecco la classifica 2018 di agenzie, brand e campagne pubblicitarie più creative

WARC Creative 100 (il successore di Gunn 100) la classifica più autorevole che misura l’indice globale dell’eccellenza creativa nel mondo dell’advertising ha comunicato le classifiche 2018 per egenzie,  campagne di comunicazione,  brand,  network e aziende.

Ecco le classifiche stilate da Warc:

“Palau Pledge” by Host/Savas Sidney ottiene il primo posto per la campagna più creativa del 2018. Al secondo posto troviamo la campagna #Bloodnormal di BBDO (Londra) per il brand Bodyform/Libresse, seguita al terzo posto da “Project Revoice” di BWM Dentsu (Sidney). Le agenzie di BBDO hanno ottenuto un’ottima performance con nove agenzie classificate nella Top 100.

Nella classifica delle holding companies, Omnicom mantiene il primo posto, seguita da WPP e Interpublic Group. Burger King, la catena globale di fast food, raggiunge il primo posto della Top 10 World’s best creative brands, seguito da Nike e Pedigree.

“La Warc creative 100 offre un quadro obiettivo e trasparente per l’industria, puntando l’attenzione sulle idee più creative e stimolanti in tutto il mondo e sulle compagnie che sono dietro di loro”, ha dichiarato David Titman, head of content Warc.

Gli Stati Uniti si confermano primi nella classifica dei paesi più creativi al mondo, seguiti dal Regno Unito e dall’Australia.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala