Paramount Channel diventa Paramount Network. Dal 16 marzo con il nuovo look arrivano serie tv e coproduzioni

Viacom Italia avvia un profondo rebranding di Paramount Channel. In occasione del terzo compleanno del canale in onda sul tasto 27 del dtt e di Tivusat, il gruppo guidato da Andrea Castellari dal 16 marzo diventa Paramount Network allineando così la presenza italiana a quella già in corso in tanti altri Paesi.

Andrea Castellari

Andrea Castellari

Paramount Network sarà un canale ancora più ricco, con oltre mille ore di nuovi contenuti in programma nei prossimi mesi, di cui oltre 200 in prima tv.  E per la prima volta ospiterà proposte seriali e progetti originali in coproduzione.

Sabato 23 marzo arriva infatti in prima visione assoluta Waco, miniserie in 6 episodi dal fortissimo carattere cinematografico, che racconta la vera storia degli eventi accaduti tra il 28 febbraio e il 19 aprile del 1993 che portarono alla morte del predicatore statunitense David Koresh, leader della setta religiosa dei “davidiani”, e di 75 suoi seguaci.
Nel corso dell’estate Caccia al Ladro (To Catch A Thief), l’inedita serie originale frutto di una coproduzione internazionale delle divisioni Viacom nel mondo, che vede protagonista anche l’Italia: si tratta di una serie in 10 episodi tratta dall’omonimo capolavoro della Paramount Pictures diretto da Alfred Hitchcock.

L’operazione di rebranding ridisegna ovviamente anche il logo che si allinea alla famiglia Paramount Network.  La nuova brand image  del canale, spiega il gruppo,  ha “un aspetto più contemporaneo e moderno, è lo specchio dell’alta qualità e dei valori cinematografici del canale, che sottolineano il suo posizionamento unico e distintivo nel sistema televisivo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste