Osservatorio permanente giovani-editori: Carlos Costa da Silva membro effettivo dell’advisory board

Si chiama Young Factor il progetto che l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori promuove nelle scuole secondarie superiori di tutta Italia per far crescere l’educazione economico finanziaria dei giovani, con la collaborazione della Banca Monte dei Paschi di Siena, Intesa San Paolo, UBI e Unicredit.

A definire il sistema di valori cui il progetto si ispira, l’International Advisory Board dell’Osservatorio. Presieduto da Andrea Ceccherini, nel board siedono il Governatore della Banca Centrale dei Paesi Bassi Klaas Knot, il Governatore della Banca Centrale di Francia Francois Villeroy de Galhau, il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, il Presidente della Deutsche Bundesbank Jens Weidmann, l’ex Governatore della Banca Centrale spagnola Luis Marie Linde. Da ultimo è entrato a farne parte anche il Governatore della Banca Centrale del Portogallo Carlos Costa Da Silva.

Il progetto che in Italia, conta il coinvolgimento di 500mila studenti, ricorda la nota, si articola in un percorso di formazione per i docenti che intendono aderirvi, e 10 lezioni frontali svolte in classe dagli insegnanti sul significato di 10 parole chiave del vocabolario economico finanziario, per consentire ai giovani di diventare gradualmente sempre più padroni della materia.

Al temine di ogni anno scolastico, un istituto di ricerca indipendente misura – attraverso un’apposita indagine – gli effetti dell’iniziativa e la crescita delle competenze degli studenti sulle 10 parole illustrate nel corso dell’anno scolastico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, via libera di Salini ai vicedirettori di RaiUno – ECCO LE NOMINE

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale  – I NOMI

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale – I NOMI

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo