Durigon: preoccupati per la situazione dell’Inpgi, prima si interviene meglio è

“Siamo preoccupati per la situazione dell’Inpgi, vedremo se intervenire con lo strumento più idoneo nel ‘Decretone’ alla Camera o successivamente. Ma io dico che prima si fa meglio è”. Così il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, è intervenuto a ‘Verso il Festival del Lavoro’ in corso a Genova, sulla situazione finanziaria dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti che, ha sottolineato il sottosegretario, “è aggravata dall’uscita di tanti iscritti dalle aziende, e quindi dal calare dei contributi” versati.

Claudio Durigon (Foto Ansa/Maurizio Brambatti)

Per Durigon “è necessario rendere più agevoli gli investimenti delle Casse nell’economia reale, e su questo ho subito aperto un tavolo e da questo punto di vista ho trovato l’Adepp sempre ben predisposta”.

“Ho promesso alle Casse -ha continuato Durigon – che, nel momento della fine dell’iter del decretone, ci sarà un tavolo per trovare delle soluzioni, nel rispetto dell’autonomia delle casse”.

E il governo, con la disponibilità delle Casse agli investimenti nell’economia reale, è pronto a rivedere la tassazione sugli investimenti. “Nel momento in cui si definisce un percorso -ha detto Durigon- sull’intervento in economia reale, lo Stato non può che dare un’agevolazione alle casse perché investimento sia più concreto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva