26 febbraio Lazio-Milan vince facile. Va forte Il Collegio che batte Le Iene. Flop per la nera su Canale 5

Il calcio in chiaro prevale, anche senza le grandi del campionato impegnate nella Coppa Italia. La gara degli ascolti tv l’ha vinta facilmente ‘Lazio-Milan’, prima semifinale di andata del torneo.

La partita dell’Olimpico è finita senza reti, ma ha conquistato 5,4 milioni di spettatori ed il 20,9% di share.

La sorpresa, invece, è stato il secondo posto di Rai2 con ‘Il Collegio’, cresciuto a 2,3 milioni di spettatori ed il 10%. E bisogna dare atto a Carlo Freccero, in questo momento in discussione per i risultati alterni delle produzioni della rete che dirige, che questa gestione del docureality Magnolia è probabilmente la migliore di sempre.

Su terzo gradino del podio sono arrivate ‘Le Iene’, con 1,876 milioni di spettatori ed il 10,5% di share. Il programma di Italia 1 si è presentato in griglia con una lista di servizi più aggressivi ed è cresciuto molto rispetto alla puntata precedente, vincendo nettamente in seconda serata quando è terminato ‘Il Collegio’.

Si può considerare fallito, invece, il tentativo di portare la cronaca nera in versione un po’ ‘patinata’ su Canale 5. L’evento ‘Delitti e Segreti’, con Gianluigi Nuzzi e Cesara Buonamici alla conduzione, Alessandra Viero in collegamento, tanti opinionisti e ospiti in uno studio (perfino Alessandro Preziosi, attualmente impegnato sull’ammiraglia del Biscione con la fiction ‘Non Mentire’) non ha svoltato. La trasmissione ha infatti raccolto solo 1,726 milioni di spettatori ed il 9,4%, un risultato che si aggiunge a quello di altre prove sotto le attese di Canale 5 in prima serata in questa stagione.

Nella partita dei talk ha vinto facilmente Giovanni Floris, a 1,386 milioni di spettatori e il 6,4% con ‘DiMartedì’. Bianca Berlinguer ha conseguito 1,108 milioni di spettatori e il 5,1%, correndo sempre davanti al film di Rete4, ‘Unstoppable’, a quota 1,115 milioni di spettatori ed il 4,8%.

Anche ieri a ‘#Cartabianca’ ha funzionato il miracolo di Mauro Corona. Con lo scrittore alpinista in collegamento, la trasmissione della terza rete è riuscita in apertura a rimanere davanti a quella de La7, che invece ha puntato su Giorgio Cottarelli. Poi però proponendo Pierluigi Bersani, e tra gli altri ingredienti, anche lo scontro epico tra Lucia Borgonzoni e Maria Elena Boschi, il programma di Floris ha staccato la concorrenza.

Sempre in tema di talk, da registrare la solita vittoria di Lilli Gruber in access, ma con la Palombelli un po’ più vicina, e Francesca Romana Elisei meno schiacciata dalla concorrenza, ben trainata dal Tg2 (più forte, senza ‘I soliti Ignoti’ su Rai1) e ‘risucchiata’ in alto da ‘Il Collegio’.

‘Otto e mezzo’, con Nicola Zingaretti, Antonio Padellaro ed Evelina Christillin ospiti ha portato a casa 1,840 milioni di spettatori e il 6,94%.

‘Stasera Italia’, con Maurizio Martina, Maria Teresa Meli, Vittorio Sgarbi, Andrea Crippa tra gli ospiti ha riscosso 1,490 milioni e il 5,8% con la prima parte e 1,272 milioni e il 4,71% con la seconda parte.

‘Tg2 Post’ con Antonio Taiani, Daniele Capezzone ospiti della Elisei ha avuto 1,337 milioni di spettatori e il 4,95%.

In seconda serata, come anticipato, è andata forte Italia 1, che ha battuto facilmente la puntata politica di ‘Porta a Porta’.

Bruno Vespa ha aperto con i sondaggi, quindi ha proposto l’intervista a Matteo Renzi nella seconda parte e solo in chiusura ha alleggerito con Simona Ventura, conquistando 1,343 milioni di spettatori e il 7,74% di share in avvio e poi 987mila spettatori e il 10,4%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste