Claudio Rinaldi nuovo direttore della Gazzetta di Parma

Claudio Rinaldi è il nuovo direttore di Gazzetta di Parma e di 12 TvParma – Radio Parma. Vicedirettore dal 2016, assumerà l’incarico il prossimo 1 marzo al posto di Michele Brambilla,  che ha guidato le testate del gruppo per più di tre anni, dal novembre del 2015.

L’annuncio, si legge sul sito del quotidiano, è stato dato ieri ai dipendenti del gruppo dal presidente dell’Unione parmense degli industriali, Annalisa Sassi, dal presidente del gruppo Gazzetta, Giovanni Borri, dall’amministratore delegato, Marco Occhi e dal futuro direttore generale Pierluigi Spagoni.

Claudio Rinaldi

Giornalista della testata emiliana dal 1992, Rinaldi, 50 anni, si è occupato in passato soprattutto di cronaca e sport. Per dieci anni ha ricoperto il ruolo di caporedattore centrale per poi, nel 2015 è stato direttore ad interim dopo le dimissioni di Giuliano Molossi, prima dell’arrivo di Brambilla.

Ha scritto anche di diversi libri, tra i quali le biografie di Gianni Brera, dell’ex arbitro internazionale Alberto Michelotti e dell’allenatore di maratoneti Luciano Gigliotti. Per il Dizionario Biografico degli Italiani della Treccani ha curato le voci Gianni Brera, Bruino Roghi e Oronzo Pugliese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva