27 gennaio La Coppa Italia senza big regola L’isola e La Porta Rossa. Super Gruber, Elisei batte Palombelli

Non era stata una buona notizia per la Coppa Italia e per la Rai l’uscita imprevista della Juve di Cristiano Ronaldo ai quarti di finale, battuta dalla Dea di Bergamo (con 7 milioni di spettatori e il 26,2% di share che rimangono fin qui il record televisivo della manifestazione), ma comunque anche ieri sono stati ‘vincenti’ i risultati garantiti dal torneo alla Rai.

Mercoledì 27 febbraio il match ‘Fiorentina-Atalanta’, bello e divertente e terminato con un pareggio in rimonta dei viola per tre a tre, ha ottenuto 4,594 milioni e il 18,3%. Un risultato comunque interessante se si considera che sette giorni prima lo scontro chiave della Champions League, Atletico Madrid-Juventus, aveva conquistato 6,877 milioni ed il 25,53% sull’ammiraglia pubblica. Ma comunque chiaramente inferiore anche a quello di Lazio-Milan del giorno prima (5,4 milioni e 20,9%).

La partita dell’Artemio Franchi ha battuto abbastanza nettamente il nuovo capitolo de ‘L’Isola dei Famosi’ su Canale5. Il docureality condotto da Alessia Marcuzzi, infatti, ieri si è attestato a 2,831 milioni e 16,9%, con una prestazione in crescita di due punti e mezzo di share rispetto a quella della settimana precedente, ma ancora deludente.

Sul terzo gradino del podio si è installata Rai2. ‘La Porta Rossa’, con Lino Guanciale e Gabriella Pession, in buon progresso (+1.2 punti di share) che ha conquistato 2,678 milioni di spettatori e l’11,4%.

Stabile, come sempre succede quando c’è il calcio di mezzo, è stato il risultato di Federica Sciarelli. Su Rai3, infatti, ‘Chi l’ha visto?’ ha conseguito 2,114 milioni di spettatori e 9,91%. I tre film in griglia sono arrivati nelle posizioni di rincalzo. Su Italia1 il fanta action ‘Jason Bourne’, con Matt Damon protagonista, ha ottenuto 1,382 milioni di spettatori e il 6,2%. Su Rete4 il drammatico ‘Vendetta: Una storia d’amore’ con Nicolas Cage sugli scudi, ha avuto 1 milione di spettatori e il 4,3%. E infine su La7, la pellicola cult ‘The Women’, con Meg Ryan, Annette Bening, Eva Mendes nel cast, ha riscosso 728mila spettatori e il 3%.

In seconda serata il finale de ‘L’isola (oltre il 25% con la sfida del fuoco per la leadership e con le nomination) ha avuto facilmente la meglio su ‘Porta a Porta’.

Bruno Vespa iniziando con Alfonso Bonafede nella prima parte, con Nicola Zingaretti nella fase centrale e nel finale leggero Mal, ha avuto 1,328 milioni di spettatori e l’8,43% col ministro della giustizia dei Cinquestelle e poi 678mila spettatori e l’8%.

In access, con il calcio ad attrarre i maschi, equilibri leggermente diversi tra Lilli Gruber, Barbara Palombelli e Francesca Romana Elisei (ieri ben incastrata tra Tg2 e la fiction rosa e noir ‘La Porta Rossa’).

‘Otto e mezzo’, con Maurizio Landini, Stefano Barisoni e Beppe Severgnini ospiti, ha avuto oltre 2,1 milioni di spettatori e 8,05% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Giorgia Meloni, Giovanni Minoli e Pierluigi Diaco nella prima parte e quindi Pierluigi Bersani in aggiunta, ha raccolto 1,364 milioni di spettatori e il 5,36% di share e poi 1,153milioni e il 4,36%.

Ha fatto un po’ meglio di Rete4 stavolta il ‘Tg2 Post’. Con Vincenzo Boccia e Franco Bechis ospiti della Elisei, la trasmissione ha convinto 1,369 milioni di spettatori con il 5,18%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva