La Radio apre il 2019 con pubblicità in crescita del 2%. Dati Fcp: incremento dell’8,2% sul 2017

L’Osservatorio Fcp-Assoradio (Fcp-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di gennaio. Il 2019 si è aperto con un fatturato totale di € 21.599.000,00, in crescita del 2% rispetto al corrispettivo 2018.

Fausto Amorese (Foto Massimiliano Stucchi)

Il commento del presidente Fcp-Assoradio, Fausto Amorese:
“Dopo un 2018 chiuso in forte crescita era importante iniziare l’anno allo stesso modo, soprattutto in virtù di una contesto economico e di mercato improntato all’incertezza. A gennaio i dati dell’Osservatorio Fcp-Assoradio mostrano per le concessionarie associate un fatturato al +2,0%, dato di per sé più che positivo. Lo è maggiormente se consideriamo che l’incremento sul 2017 è +8,2%”.

“Dopo quattro anni di aumento dei fatturati l’obiettivo per il mezzo Radio è ancora più ambizioso: consolidarsi ulteriormente nei media plan dei pianificatori e proseguire nella crescita, supportato da iniziative ed eventi come quelli che hanno caratterizzato il 2018. Una annotazione importante riguarda il prezzo medio degli annunci tabellari che a Gennaio risulta ancora in incremento”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Radio: pubblicità in calo (-2,8%) a ottobre. Amorese, Fcp Assoradio: progressivo 2019 in positivo (+2,9%)

Radio: pubblicità in calo (-2,8%) a ottobre. Amorese, Fcp Assoradio: progressivo 2019 in positivo (+2,9%)

Pubblicità, Nielsen: +1,8% a settembre ma da inizio anno cala di un punto e senza Ott è ancora più pesante, -5,3%. Bene solo radio, cinema e GoTv

Pubblicità, Nielsen: +1,8% a settembre ma da inizio anno cala di un punto e senza Ott è ancora più pesante, -5,3%. Bene solo radio, cinema e GoTv

Radio, +13,4% per la raccolta pubblicitaria a settembre. Amorese, Fcp Assoradio: progressivo da gennaio a +3,7%

Radio, +13,4% per la raccolta pubblicitaria a settembre. Amorese, Fcp Assoradio: progressivo da gennaio a +3,7%