Inpgi, Durigon: obiettivo del governo sanare situazione: Macelloni: ok allargare platea dei contribuenti

“Non so se riusciamo direttamente nel decretone ma è nostra volontà sanare una situazione che potrebbe creare ancora più scompensi. È uno degli obiettivi che abbiamo come governo”. Lo ha ribadito il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, interpellato sull’Inpgi, a margine della presentazione della relazione annuale di Auditel alla Camera. “È sicuramente una delle azioni da mettere in campo il prima possibile”, ha aggiunto Durigon. Il sottosegretario aveva già parlato di questa ipotesi già in occasione del Festival del lavoro.

Claudio Durigon (Foto Ansa/Maurizio Brambatti)

Secondo Durigon, come riporta il sito Inpginotizie.it, per mettere in sicurezza i conti dell’istituto il primo provvedimento potrebbe essere quello di allargare la sua base contributiva, facendo confluire nell’istituto quei comunicatori che adesso fanno parte dell’Inps (circa 20mila lavoratori), un’opzione già valutata nei mesi scorsi. “Si tratterebbe – ha precisato Durigon – di un intervento con copertura a carico dello Stato e che darebbe respiro alla cassa, che sta subendo le conseguenze della crisi dell’editoria, in attesa di un intervento più ampio e strutturale sull’Inpgi che potrebbe iniziare nel 2020. L’intervento già nel decretone sarebbe giustificato dalla necessità di agire con urgenza”.

Proposta che trova d’accordo la presidente dell’Inpgi: “l’allargamento della platea – commenta Marina Macelloni – è una soluzione che consente si ritrovare la stabilità dei conti ma soprattutto ci aiuta a rappresentare meglio la professione. Perché oggi non si è ridotta la domanda di informazione, anzi, è addirittura aumentata, ma passa attraverso canali che non sono più solo quelli tradizionali, per cui ha anche senso che la cassa di previdenza per rimanere al passo con i tempi accolga queste nuove professionalità”. Che andrebbero se dipendenti nella gestione principale, altrimenti nella gestione separata (Inpgi 2).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale