Nasce Tavolo Mediacoop, cooperative di giornalisti associate a Legacoop CulTurMedia. Coordinatore Luca Pavarotti

Si è costituito il coordinamento delle cooperative di giornalisti associate a Legacoop CulTurMedia, con il nome di “Tavolo Mediacoop”. Il referente è Luca Pavarotti, presidente della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che edita il quotidiano Corriere Romagna. In questa veste Pavarotti è entrato a fare parte del consiglio di presidenza di Legacoop CulTurMedia Nazionale, associazione di settore che ha tenuto il primo congresso il 7 e 8 febbraio a Genova.

Luca Pavarotti (foto uff stampa Legacoop)

In vista degli Stati Generali dell’Editoria annunciati dal sottosegretario Vito Crimi la direzione nazionale di Legacoop CulTurMedia, svolta il 26 febbraio a Roma, ha accolto la costituzione del tavolo MediaCoop come strumento di rappresentanza delle istanze del settore informazione cooperativo. Ne fanno parte cooperative di giornalisti che editano testate quotidiane, periodiche e web a diffusione nazionale e locale.

«Il progressivo svuotamento del Fondo per il Pluralismo dell’Informazione introdotto dalla legge di Bilancio rappresenta un colpo mortale per le cooperative di giornalisti di Legacoop e ACI, per le voci dei territori e tutto il settore industriale che opera nel mondo dell’informazione», ha spiegato Pavarotti, introducendo una risoluzione legata alla difficile situazione che vive il comparto. «La legge 198/2016 (la cosiddetta Riforma Lotti) aveva per la prima volta garantito un sostegno certo, trasparente e selettivo alle sole testate locali e nazionali cooperative e non profit, che in Italia rappresentano i cosiddetti “editori puri”, eliminando le possibilità di abusi che nel recente passato avevano penalizzato le vere cooperative di giornalisti e ponendo al primo posto il il rispetto dei contratti di lavoro, la presenza sul mercato e la regolarità contributiva», aggiunge.

Sostegno è stato espresso – oltre che dalla presidente nazionale di CulTurMedia Giovanna Barni e dal suo vice Leonardo Palmisano – dal presidente nazionale di Legacoop e ACI, Mauro Lusetti, che ha dato riscontro positivo alle istanze del settore: «Quella della libertà di stampa – ha detto – per noi è una battaglia identitaria quanto quella per i migranti».

«Ciò che la maggioranza di Governo ha inteso cancellare non è il contributo pubblico all’editoria ma la possibilità di sopravvivenza per quella piccola parte di informazione libera che ancora non risponde alle grandi concentrazioni nazionali e internazionali», ha concluso Pavarotti. «Diventa praticamente impossibile, inoltre, creare nuova impresa cooperativa in un settore fondamentale per la democrazia. Al termine del percorso congressuale di CulTurMedia è giunto il momento di riprendere la battaglia per il Pluralismo, ripartendo dai numerosi e in larga parte inascoltati appelli del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a tutela dei valori dell’articolo 21 della Costituzione».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tra vent’anni non ci saranno più giornali cartacei. La profezia di Mark Thompson: tra 10, massimo 15 anni New York Times solo digital

Tra vent’anni non ci saranno più giornali cartacei. La profezia di Mark Thompson: tra 10, massimo 15 anni New York Times solo digital

Secondo anniversario del crollo del Ponte Morandi. ‘Le voci di Genova’ in un emozionante video di LabGediDigital

Secondo anniversario del crollo del Ponte Morandi. ‘Le voci di Genova’ in un emozionante video di LabGediDigital

Tim, due terzi famiglie aree bianche raggiunta da banda ultralarga. Gubitosi: avanti con Risorgimento digitale

Tim, due terzi famiglie aree bianche raggiunta da banda ultralarga. Gubitosi: avanti con Risorgimento digitale