Hbo: dimissioni a sorpresa per l’ad Plepler. L’addio dopo le voci sul riassetto per la fusione tra At&t e Time Warner

L’amministratore delegato di Hbo, Richard Plepler, si è dimesso lascia la guida dell’emittente nella quale lavorava da 27. “E’ duro per me lasciare la compagnia che amo e la gente che ci lavora dentro e che amo, ma penso sia il momento giusto di farlo”, ha spiegato in una email ai dipendenti Plepler, il cui addio arriva a sorpresa nell’ambito della riorganizzazione avviata da At&t che, acquisendo Time Warner, è diventata proprietaria della stessa Hbo.

Negli ultimi giorni infatti sono circolate indiscrezioni in base alle quali il colosso delle tlc starebbe considerando Robert Greenblatt, ex ceo di Nbc Networks e Universal Television, per un ruolo a Warner Media, la divisione in cui At&t intende far confluire Hbo e i canali di intrattenimento di Turner.

Richard Plepler (Foto Ansa – EPA/NINA PROMMER)

La fusione da 85 miliardi di dollari tra At&t e Time Warner, ricordiamo, è stata criticata più volte da parte dell’amministrazione Trump, ma nel giugno 2018 ha ricevuto il via libera senza condizione dal giudice distrettuale Richard Leon. Un via libera confermato anche nei giorni scorsi dalla corte federale di Washington, respingendo il ricorso presentato dal Dipartimento di giustizia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto