Radio Radicale, nasce un intergruppo parlamentare per il rinnovo della convenzione

Il tema del rinnovo della convenzione tra Mise e Radio Radicale per la trasmissione delle sedute del Parlamento continua a destare particolare attenzione non solo tra giornalisti e addetti ai lavori, ma anche tra i politici.

Da qualche giorno è nato un intergruppo per la difesa dell’emittente. Dopo quelle di Pd (Camera), Forza Italia e Gruppo Misto al Senato, l’ultima adesione in ordine di tempo è quella di Giorgio Napolitano.

“Condivido pienamente l’impegno espressosi con la costituzione di un intergruppo per la difesa di Radio Radicale, la cui libertà nella cronaca e nella rappresentazione della vita politica, parlamentare e istituzionale ha costituito in tanti anni una risorsa di pluralismo”.

“Oggi, ha rimarcato, la si vorrebbe sacrificare sul terreno di un arbitrario prepotere dei partiti che in Italia hanno nel marzo 2018 conquistato la maggioranza. E per farlo si ricorre persino al ridicolo argomento di perseguire una riduzione nella spesa pubblica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Radio Radicale, Crimi: posizione del governo non cambia. Fnsi: stop emendamento colpo alla Costituzione

Radio Radicale, Crimi: posizione del governo non cambia. Fnsi: stop emendamento colpo alla Costituzione

Tim, Gubiutosi: opzione su Open Fiber in Cda entro l’estate. Senza senso costruire due reti

Tim, Gubiutosi: opzione su Open Fiber in Cda entro l’estate. Senza senso costruire due reti

Huawei: gli Usa concedono una licenza temporanea (estendibile) di 90 giorni. Google: proroga consente di dare aggiornamenti

Huawei: gli Usa concedono una licenza temporanea (estendibile) di 90 giorni. Google: proroga consente di dare aggiornamenti