Giancarlo Leone presidente Apt : “grave danno per la Rai chiudere Paradiso delle signore”

Esistono ancora dei margini di manovra perché Rai non chiuda l’esperienza positiva del Paradiso delle signore, l’unica serialità trasmessa dal servizio pubblico in day time su Rai1.”

Giancarlo Leone, presidente associazione produttori

L’APT si augura che la chiusura venga smentita”, dice Giancarlo Leone, presidente della Associazione dei produttori, “perché la produzione non soltanto rappresenta un investimento strategico il cui beneficio è palese per la rete con una media di oltre il 15%, ma è anche la prova che con nuovi modelli industriali di produzione è possibile realizzare 180 puntate l’anno di day time al costo di due due serie da 8 episodi l’uno di prime time, creando dunque valore per un settore in forte crescita come quello della produzione seriale”.

Fabrizio Salini (foto Ansa)

Fabrizio Salini (foto Ansa)

“Una scelta diversa dalla conferma della produzione”, sottolinea ancora Leone, “costituirebbe un passo indietro della Rai rispetto al suo ruolo di volano dell’industria dell’audiovisivo ed una sottovalutazione degli eccellenti risultati finora ottenuti da Rai Fiction e Rai1. Inoltre Rai rinuncerebbe a presidiare la produzione di serialità in day time, unico caso in Europa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva