Insieme ai voli commerciali di SpaceX la Nasa testa le comunicazioni spaziali coi raggi Xcom (VIDEO)

Proseguono i test della Nasa per i voli commerciali nello spazio e insieme l’attività di comunicazione dell’agenzia spaziale statunitense. È di questo fine settimana la notizia che la capsula Crew Dragon, progettata da SpaceX per conto della Nasa che finanzia il progetto, si è agganciata alla Stazione Spaziale Internazionale.

A questa missione, denominata Demo-1, della capsula progettata per trasportare da quattro a sette persone nello spazio, seguirà a luglio la Demo-2 con i primi astronauti a bordo. Per il momento, infatti, a bordo c’è solo Ripley, un manichino con sensori per raccogliere informazioni utili, e un carico da 180 kg di rifornimenti.

Di “nuova era nei voli nello spazio” ha parlato l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine: “un’era in cui non vediamo l’ora, come agenzia e nazione, di essere uno dei player più forti all’interno di questo nuovo mercato”.

“SpaceX non sarebbe qui senza la Nasa”, ha aggiunto il ceo Elon Musk: non sarebbe qui oggi “senza l’incredibile lavoro che è stato fatto prima che SpaceX avesse ancora cominciato a muovere i suoi passi, e senza il supporto dopo la partenza del progetto SpaceX. Quindi grazie”.

Jim Bridenstine ed Elon Musk

Intanto, come spiega in un servizio su Youtube la televisione della Nasa, ha debuttato anche Nasa Science Live, “il nuovo format” dedicato a curiosità e “dietro le quinte” su come la Nasa esplora lo spazio. Il primo episodio racconta come la Nasa abbia portato la scienza sulla Luna e come intende farlo nell’immediato futuro. Nasa television è visibile sul sito web dell’agenzia e sui social network.

Insieme al programma di voli commerciali, spiega il servizio, la Nasa sta testando anche nuove frontiere nelle comunicazioni spaziali, in particolare quelle con i raggi Xcom (X-Ray Communications), una cui dimostrazione e in programma in primavera sulla Stazione Spaziale Internazionale. La nuova tecnologia consentirà la trasmissione di più dati con minore impegno di energia rispetto a quanto non avvenga con le attuali tecnologie basate sulle onde radio utilizzate per comunicare tra stazioni spaziali e Terra.

Lo studio di Nasa Science Live

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google pensa a un’etichetta per segnalare i siti web che si caricano lentamente

Google pensa a un’etichetta per segnalare i siti web che si caricano lentamente

Giovannelli confermato presidente Anso, associazione della stampa online. Nel direttivo entrano Di Girolamo e Di Nardo

Giovannelli confermato presidente Anso, associazione della stampa online. Nel direttivo entrano Di Girolamo e Di Nardo

Il mercato degli Ott raddoppierà nel 2025. Digital tv Research: in testa Netflix, ma boom per Disney+

Il mercato degli Ott raddoppierà nel 2025. Digital tv Research: in testa Netflix, ma boom per Disney+