Città di Salerno, Lorusso (Fnsi): l’Odg della Campania, oltre a fare selfie coi giornalisti, accompagni alla porta il direttore

Incontro pubblico a Rovigo del segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, in occasione del consiglio direttivo del Sindacato giornalisti Veneto. Quella alla Pescheria Nuova di Rovigo, è la prima uscita del segretario fuori Roma dopo il Congresso nazionale Fnsi a Levico a metà febbraio, che lo ha rieletto ai vertici della Federazione.

Nell’occasione, di fronte a una quarantina di persone, Lorusso ha ricordato le vertenze in corso: Mondadori, Askanews, Gazzetta del Mezzogiorno. Uno spazio particolare lo ha dedicato alla Città di Salerno, tornata in edicola con una nuova redazione e una nuova società editrice, mentre quella precedente, che era rimasta al giornale dopo il passaggio di proprietà fra il gruppo L’Espresso e una cordata locale, è stata interamente estromessa dal giornale e messa in cassa integrazione a zero ore.

Il segretario della Fnsi ha vivacemente sollecitato l’azione dell’Ordine dei giornalisti della Campania che, a suo dire, “oltre a farsi selfie con i giornalisti in cassa integrazione”, dovrebbe portare al Collegio di disciplina il direttore (il suo nome non è stato citato dal segretario, ma si tratta di Antonio Manzo), rimasto alla guida della testata, perché poi sia “accompagnato alla porta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala

Belpietro direttore de l’Unità. “Per evitare la decadenza della testata”. La rabbia dei redattori: La Verità è che lei dice falsità

Belpietro direttore de l’Unità. “Per evitare la decadenza della testata”. La rabbia dei redattori: La Verità è che lei dice falsità

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme