Verizon Ads SDK, nuovo strumento a disposizione degli editori per monetizzare i contenuti via app

Continua a crescere la quota degli utenti che accedono ai contenuti su Internet da smartphone, in particolare via app (modalità preferita rispetto al mobile browsing), e cresce di pari passo la quota di pubblicità destinata a questo mezzo, con punte del +200% per l’in-app video, come rivela l’ultimo Quarterly Mobile Index di PubMatic, relativo al quarto trimestre 2018. Una crescita ancora maggiore (+300%) registra l’header bidding, tecnologia di vendita degli spazi pubblicitari online che consente di attivare diverse aste contemporaneamente per scegliere l’investitore che offre di più

La sede centrale di Yahoo! a Sunnyvale, in California

Per sfruttare queste opportunità gli editori devono però dotarsi di strumenti adeguati. Verizon Media – il nuovo nome che il gruppo americano delle telecomunicazioni Verizon ha dato alle sue attività online (Yahoo, Aol, HuffPost, TechCrunch, eccetera) in precedenza raggruppate sotto il marchio Oath –  ha appena lanciato un nuovo sistema che promette appunto di aiutare gli editori a monetizzare in modo ottimale i propri contenuti su mobile. Si chiama Verizon Ads SDK, dove la sigla sta per ‘software development kit’, una sorta di coltellino svizzero della programmazione informatica, che consente agli sviluppatori di inserire nell’app una via rapida di accesso alle opportunità di monetizzazione dei contenuti offerte da Verizon Media (Sdk analoghe sono realizzate per esempio da Google per Android e da Apple per il suo iOs). Il nuovo strumento, che sostituisce i vecchi Flurry Monetization e ONE Mobile SDK, si può integrare con i sistemi di analisi del traffico online dell’Open Measurement SDK proposto dal IAB Tech Lab, il laboratorio tecnologico dell’Internet Advertising Bureau. In questo modo gli inserzionisti avranno maggiore controllo sui propri investimenti pubblicitari e la possibilità di accedere all’inventory in app e avere una misurazione accurata della viewability tramite il proprio partner di fiducia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Publicis Groupe lancia in Italia la unit Publicis Spine dedicata ai dati sul consumatore. Alla guida Alessio Fattore

Roberto Liscia confermato presidente Netcomm

Tgcom24 arriva su TripAdvisor con un profilo ufficiale