Sospeso lo sciopero alla Gazzetta del Mezzogiorno che domani torna in edicola

I giornalisti della Gazzetta del Mezzogiorno sospendono lo sciopero a oltranza e domani, dopo quattro giorni di assenza, il quotidiano torna in edicola. Lo annuncia il Cdr sottolineando che “i commissari giudiziari hanno disposto il pagamento degli stipendi di dicembre e delle tredicesime, e la certificazione delle buste paga”.

I commissari – secondo quanto riferisce il Cdr – “hanno confermato che il Tribunale di Catania ha disposto la sostituzione del Consiglio di amministrazione della Edisud”.

La sede della Gazzetta del Mezzogiorno

La decisione dello sciopero a oltranza era stata assunta, aveva spiegato il Cdr alcuni giorni fa in una conferenza stampa, in seguito alla persistente assenza di risposte da parte degli amministratori giudiziari sul pagamento degli stipendi e dei versamenti previdenziali arretrati, nonché sulle incertezze del futuro della testata.

Una situazione – fa notare il Cdr – che si trascina ormai da mesi, sin da quando il 24 settembre scorso, il tribunale di Catania ha sottoposto a sequestro le quote societarie dell’editore Mario Ciancio Sanfilippo, azionista di maggioranza (70%) della Edisud Spa società editrice del quotidiano che vanta oltre 131 anni di storia.

Venerdì prossimo – annuncia il Cdr – si terrà un incontro della task force per l’occupazione della Regione Puglia al quale parteciperanno i commissari giudiziari, il Comitato di redazione, il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, e il presidente di Assostampa Puglia, Bepi Martellotta.

Permane comunque lo stato di agitazione e sabato è prevista un’assemblea dei giornalisti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Snapchat in trattativa con le case discografiche per l’utilizzo della musica nei post

Snapchat in trattativa con le case discografiche per l’utilizzo della musica nei post

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia