Netflix: dopo 6 anni in uscita il responsabile marketing Kelly Bennett

Netflix ha annunciato che Kelly Bennett, chief marketing officer, si dimetterà dall’incarico dopo oltre sei anni nella compagnia.

Bennett, che ha precisato di aver preso questa decisione in modo autonomo rispetto al ceo Reed Hastings, continuerà ad occupare l’attuale posizione ad interim in attesa della nomina del successore, se necessario anche fino alla fine del 2019.

Kelly Bennett

“Quando sono entrato nel 2012, eravamo per lo più un’azienda tecnologica. Oggi produciamo programmi di intrattenimento su larga scala”, ha detto Bennett, che prima di approdare a Netflix nell’agosto 2012 ha lavorato anche in Warner Bros.
E i numeri non possono che confermare quanto detto dal manager. Durante il suo mandato infatti, ha evidenziato il sito Variety, Netflix è passata dai 25,7 milioni di utenti paganti nel terzo trimestre del 2012 ai 139 milioni di fine 2018. Cresciute anche le spese marketing: negli ultimi anni i costi sono cresciuti del 65% nel 2018, arrivando a 2,37 miliardi di dollari.

Bennett comunque non è l’unico manager in uscita dal gigante streaming. L’estate scorsa c’è stato l’addio del cfo David Wells, nella compagnia da 14 anni. In uscita anche Erik Barmack, VP per i contenuti internazionali originali per America Latina, EMEA e India, che lascerà la compagnia dopo otto anni per creare una propria società di produzione.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

Rai, Di Maio: abbiamo trovato una soluzione per ridurre il canone senza danneggiare la qualità del servizio pubblico

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

A maggio online il 70% degli italiani. Audiweb: ogni giorno connessi quasi 34 milioni di persone, il 66% da smartphone

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto

Tv e social aumentano il rischio depressione tra i teenager. Lo studio: i problemi nascono dal confronto