Atp Finals: Giorgetti firma il decreto a sostegno della candidatura di Torino

Giancarlo Giorgetti ha firmato il decreto della presidenza del Consiglio che “stanzia 78 milioni di euro per la finali Atp a Torino”. Lo annuncia una nota di Palazzo Chigi, nella quale il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio si dice soddisfatto “dopo un lavoro serio e riservato” per l’esito della vicenda, anche “per esser riuscito, in extremis, come per le Olimpiadi, a garantire la candidatura italiana”.

Secondo Giorgetti, la candidatura italiana costituisce “un fatto positivo per il nostro sport” ma anche “per le ricadute economiche sul territorio”.

Giancarlo Giorgetti (Foto Ansa/ANGELO CARCONI)

“È stata dura ma Torino ci ha creduto fin dall’inizio. Ora seguiremo la vicenda con ancora più attenzione: Torino ci proverà fino all’ultimo come abbiamo fatto in queste settimane”., il commento della sindaca Chiara Appendino al via libera al decreto che garantisce il sostegno finanziario alla candidatura del capoluogo piemontese per le Atp Finals 2021-2025.

“E’ un risultato di tutta la città e non solo, perché comunque il Governo ha fatto la sua parte”, ha spiegato Appendino. “Adesso ci sono ovviamente ancora dei passaggi da fare, però sono contenta. Torino ci ha creduto fin dall’inizio e continua a crederci e anche il Governo ci ha creduto e ha fatto la sua parte”, ha ribadito.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva