Sky: istruttoria Antitrust su acquisizione di R2 di Mediaset Premium

L’Autorità ha avviato, in data 7 marzo 2019, un procedimento istruttorio volto a valutare l’operazione di concentrazione consistente nell’acquisizione del controllo della società R2 S.r.l. (ramo operation pay di Mediaset Premium) da parte di Sky Italia S.r.l. e Sky Italian Holdings S.p.A.

Lo annuncia una nota Antitrust, dalla quale emerge che il procedimento è diretto ad accertare le possibili ricadute concorrenziali dell’acquisizione da parte di Sky, operatore dominante nel mercato della pay-tv, di R2, vale a dire la piattaforma tecnica del digitale terrestre di Mediaset Premium, il quale ha rappresentato in passato sostanzialmente l’unico concorrente di Sky nel mercato della televisione a pagamento.

In particolare, verrà valutato se l’operazione possa determinare il rafforzamento della posizione dominante di Sky nel mercato dei servizi al dettaglio della televisione a pagamento (pay-tv) e nel mercato dei servizi di accesso all’ingrosso alla piattaforma tecnica della televisione a pagamento del digitale terrestre, tale da eliminare o ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza in tali mercati, nonché nei mercati ad esso collegati, quali quelli riguardanti il broadcasting digitale, i contenuti per la televisione a pagamento e i canali pay-tv.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Snapchat in trattativa con le case discografiche per l’utilizzo della musica nei post

Snapchat in trattativa con le case discografiche per l’utilizzo della musica nei post

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia