Per Apple è ‘L’ora dello spettacolo’, il 25 marzo presenta il servizio pay tv. Obiettivo: 50 miliardi di dollari l’anno

L’azienda statunitense che produce sistemi operativi, computer e dispositivi multimediali Apple ha annunciato un evento per il 25 marzo in cui dovrebbe introdurre un  servizio di programmazione video originale e un nuovo piano di  abbonamento alla rivista premium. L’azienda ha lanciato l’evento con  il claim: “E ‘l’ora dello spettacolo”. L’evento si terrà al Steve Jobs Theater presso la sede centrale di Apple a Cupertino, California.

Tim Cook, ceo di Apple (foto Olycom)

Il servizio video, che è progettato per competere con le offerte di Netflix e Amazon.com, abbinerà spettacoli televisivi e film sviluppati o finanziati da Apple con la possibilità di abbonarsi a contenuti di
fornitori come Starz. Il business dei servizi di Apple è in grado di  generare 50 miliardi di dollari all’anno entro il 2021, ha detto  l’azienda.

Il servizio di abbonamento alla rivista sarà integrato nell’app Apple News esistente e si basa sull’acquisizione di Texture da parte dell’azienda lo scorso anno. Il prodotto sarà parte di un
aggiornamento software per iPhone e iPad chiamato iOS 12.2. L’azienda  prevede anche un aggiornamento di Apple Pay in iOS 12.2, che getterà le basi per sostenere una nuova partnership su una carta di credito con Goldman Sachs Group. (AdnKronos)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, pagina italiana di Wikipedia oscurata prima del voto. L’enciclopedia online: direttiva influirà su libertà di espressione

Copyright, pagina italiana di Wikipedia oscurata prima del voto. L’enciclopedia online: direttiva influirà su libertà di espressione

<strong> 24 marzo </strong>Ambra batte Fazio, The Good Doctor, calcio, Iene. Ok Giletti e Mentana lucano

24 marzo Ambra batte Fazio, The Good Doctor, calcio, Iene. Ok Giletti e Mentana lucano

Rai Way: Agrusti lascia la presidenza e il Cda per motivi personali

Rai Way: Agrusti lascia la presidenza e il Cda per motivi personali