11 marzo Turturro vince ma precipita sotto il 20%, Marcuzzi risale la china. Bene Made in Sud

Qualcosa di peggio che un fisiologico assestamento per la serie evento dell’ammiraglia pubblica. Sette giorni prima, all’esordio, aveva doppiato ‘L’Isola dei famosi’.

Ieri, lunedì 11 marzo, ‘Il Nome della Rosa’ su Rai1 si è attestata a 4,7 milioni e il 19,9% di share (in calo sensibile rispetto ai 6,5 milioni di spettatori e il 27,4% di share della prima puntata).

Dall’altra parte della barricata il reality di Canale 5 condotto da Alessia Marcuzzi ha conquistato spettatori e share in una serata di inevitabile riassestamento emotivo. L’agguato di Fabrizio Corona a Riccardo Fogli (con il cantante dichiarato cornuto in diretta tv dal press agent nella puntata precedente) aveva infatti prodotto l’esautorazione dei vertici autorali del reality, in una settimana caldissima anche per altri motivi e caratterizzata dai ritiri di Jo Squillo e Ghezzal. La trasmissione di Canale 5 – che è iniziata con le scuse della Marcuzzi all’ex cantante dei Pooh ed è terminata con l’eliminazione di Ariadna e le nomination di Paolo Brosio e Luca Vismara – stavolta ha conquistato 3 milioni di spettatori ed il 17,35 di share.

Marcuzzi è diventata leader quando sull’altra ammiraglia è terminata la storia di Umberto Eco con John Turturro protagonista, lasciando a distanza ‘Che Fuori Tempo che fa’.

 

Ma torniamo alla prima serata. Sul terzo gradino del podio si è collocata Rai2: la seconda puntata di ‘Made in Sud‘, il cabaret meridionale affidato alla conduzione di Fatima Trotta e Stefano De Martino, ha fatto meglio della prima conseguendo 2,020 milioni di spettatori e il 9,6% (+ tre decimali). Molto staccati dai primi sono arrivati i film: l’action su Italia1 (‘John Wick’ a 1,389 milioni e 5,9%), ha battuto nettamente la prima tv su Rai3 firmata Tim Burton (‘Big Eyes’ a 908mila e 3,62%).

Male ma non malissimo ha fatto su Rete4 ‘Quarta Repubblica’, che ieri ha parlato a lungo di Tav, ed ha affrontato i temi dell’attualità politica senza schierare però i pezzi grossi, ma ‘soltanto’ – lato governativo – Manlio Di Stefano e Massimiliano Romeo. Nicola Porro così ha ottenuto 874mila spettatori e il 4,3%, rimanendo anche stavolta molto lontano dai risultati migliori (sopra il milione ed il 6% di share, ottenuti avendo come ospiti i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio).

La trasmissione ha in parte sofferto il posticipo di Serie A su Sky: Roma-Empoli, vinta di misura dai giallorossi ha conseguito 811mila spettatori e 3,1% di share. In coda, infine, è cresciuta leggermente su La7 la serie cult ‘Grey’s Anatomy’ (779mila e 3,1%).

In access Amadeus ha ancora una volta regolato ‘Striscia la Notizia’, mentre tra i talk d’informazione è stato netto il vantaggio di Lilli Gruber su Barbara Palombelli e Francesca Romana Elisei.

‘Otto e mezzo’, ha riscosso 2,014 milioni e il 7,43% con Beppe Severgini, Marco Damilano e Luca Telese tra gli ospiti.

‘Stasera Italia’ con Maurizio Belpietro, Pierferdinando Casini, Antonio Maria Rinaldi e Pietro Geremicca tra gli ospiti, ha conseguito 1,192 milioni di spettatori e il 4,6% di share con la prima parte e poi 1,047 milioni e il 3,85% con la seconda parte.

Infine ‘Tg2Post’ si è fermato a 897mila spettatori e il 3,29% con Francesco Boccia, Marco Gervasoni e Peter Gomez ospiti della Elisei.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, è morta Ida Colucci, ex direttrice del Tg2

Rai, è morta Ida Colucci, ex direttrice del Tg2

Verizon cede la piattaforma di blog Tumblr a WordPress

Verizon cede la piattaforma di blog Tumblr a WordPress

Cairo, Starace, Elkann i manager con la miglior reputazione web a luglio

Cairo, Starace, Elkann i manager con la miglior reputazione web a luglio