Dove abiti? A che religione appartieni? Identità politica, hobby, famiglia e professione. Ecco cosa vuol sapere il Ny Times dai lettori

Il valore delle informazioni sulle audience dei lettori è “insetimabile” secondo il New York Times. Che lo ricorda introducendo un apposito form ad essi rivolto per “aiutarci a coprire meglio le notizie”. E aggiunge: “quest’anno vogliamo ampliare i nostri sforzi per includere le esperienze dei nostri lettori e ci piacerebbe aggiungere anche la tua voce”. Lo domande poste all’interno del form, prosegue il Ny Times, permetteranno alla redazione di raccogliere preziose informazioni che “ci aiuteranno a sapere quale genere di storie potresti aiutarci a raccontare”. “I nostri giornalisti”, si legge, “potrebbero contattarti sulla base delle tue risposte, ma ti promettiamo che le informazioni saranno utilizzate esclusivamente per scopi di natura giornalistica”.

Ecco cosa vuole sapere dei suoi lettori il New York Times:

Come ti chiami?
Come possiamo raggiungerti (mail, telefono, sms)?
Dove possiamo trovarti online (Twitter, Instagram, Linkedin, altro)?
Dove vivi?
Quanti anni hai?
Qual è la tua attuale occupazione?
Religione?
Genere?
Razza?
Etnia?
Identità politica?
Dicci qualcosa sulla tua famiglia (single, sposato, separato, vedovo, numero di figli)
Hobby?
Professione?
Organizzazioni di cui sei membro, affiliazioni
Qualsiasi altra cosa che vorresti sapessimo di te

E non è tutto. Il form predisposto dal New York Times per immagazzinare dati ricorda anche al lettore che “se ha una qualche indiscrezione o notizia che vuole condividere”, non deve inserirla direttamente nel form ma affidarsi alle indicazioni contenute nell’apposita “guida”. Segue link.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Manovra, Fnsi: inaccettabile impostazione emendamenti. Resta tentativo M5S di affossare Inpgi e settore

Manovra, Fnsi: inaccettabile impostazione emendamenti. Resta tentativo M5S di affossare Inpgi e settore

Rai, la Corte dei Conti archivia il procedimento sul contratto di Fazio: ‘Ctcf’ costa la metà dei programmi di intrattenimento

Rai, la Corte dei Conti archivia il procedimento sul contratto di Fazio: ‘Ctcf’ costa la metà dei programmi di intrattenimento

RadioPlayer Italia raggiunge quota 100 e si prepara al lancio entro marzo. Per le emittenti bonus iscrizione entro il 15 dicembre

RadioPlayer Italia raggiunge quota 100 e si prepara al lancio entro marzo. Per le emittenti bonus iscrizione entro il 15 dicembre