Il Fatto ammesso alle negoziazioni in Borsa. Giovedì i debutto, prezzo offerta 0,72 euro per azione

Società Editoriale Il Fatto SpA (Seif), media content provider ed editore, tra l’altro, de Il Fatto Quotidiano, ha concluso il processo di quotazione e comunica “di aver ricevuto in data odierna da Borsa Italiana l’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni e dei warrant sul mercato Aim Italia”. La data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie e dei warrant della società è stata fissata per giovedì 14 marzo.

Cinzia Monteverdi (foto da uff. stampa Editrice Il Fatto)

L’ammissione, spiega un comunicato stampa, “è avvenuta a seguito del collocamento di 4.052.000 azioni proprie, pari al 16,2% del capitale sociale, per un controvalore di oltre €2,9 milioni. A tutte le azioni ordinarie (ad esclusione delle azioni proprie post collocamento) sono abbinati gratuitamente i warrant denominati “Warrant SEIF 2019-2021”.

“La capitalizzazione prevista all’Ipo è di €18 milioni”, spiega la nota, e “il prezzo di offerta è stato fissato in €0,72 per azione”.

“Siamo molto contenti di avere portato Seif a questo traguardo, che è un primo passo del percorso di trasformazione che abbiamo intrapreso e che continuerà nei prossimi anni”, commenta Cinzia Monteverdi, presidente e ad della società. “Con i proventi della quotazione sarà possibile sostenere il trend di sviluppo già in corso che, grazie alla diversificazione e all’innovazione tecnologica, sta trasformando Seif da Società editrice in Data Company”.

Nel processo di ammissione alla quotazione, ricorda la nota stampa, la Società è affiancata da Advance Sim nel ruolo di Nomad e Joint Global Coordinator, da Fidentiis nel ruolo di Joint Global Coordinator e da Emintad Italy in qualità di financial advisor. Directa SIM è l’intermediario finanziario incaricato della ricezione di ordini per il segmento retail. Nctm agisce in qualità di legal advisor, Kpmg come società di revisione, Studio Gnudi come advisor fiscale e A2B come advisor per i dati extracontabili. Close to Media è consulente per la comunicazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal