Il Fatto ammesso alle negoziazioni in Borsa. Giovedì i debutto, prezzo offerta 0,72 euro per azione

Società Editoriale Il Fatto SpA (Seif), media content provider ed editore, tra l’altro, de Il Fatto Quotidiano, ha concluso il processo di quotazione e comunica “di aver ricevuto in data odierna da Borsa Italiana l’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni e dei warrant sul mercato Aim Italia”. La data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie e dei warrant della società è stata fissata per giovedì 14 marzo.

Cinzia Monteverdi (foto da uff. stampa Editrice Il Fatto)

L’ammissione, spiega un comunicato stampa, “è avvenuta a seguito del collocamento di 4.052.000 azioni proprie, pari al 16,2% del capitale sociale, per un controvalore di oltre €2,9 milioni. A tutte le azioni ordinarie (ad esclusione delle azioni proprie post collocamento) sono abbinati gratuitamente i warrant denominati “Warrant SEIF 2019-2021”.

“La capitalizzazione prevista all’Ipo è di €18 milioni”, spiega la nota, e “il prezzo di offerta è stato fissato in €0,72 per azione”.

“Siamo molto contenti di avere portato Seif a questo traguardo, che è un primo passo del percorso di trasformazione che abbiamo intrapreso e che continuerà nei prossimi anni”, commenta Cinzia Monteverdi, presidente e ad della società. “Con i proventi della quotazione sarà possibile sostenere il trend di sviluppo già in corso che, grazie alla diversificazione e all’innovazione tecnologica, sta trasformando Seif da Società editrice in Data Company”.

Nel processo di ammissione alla quotazione, ricorda la nota stampa, la Società è affiancata da Advance Sim nel ruolo di Nomad e Joint Global Coordinator, da Fidentiis nel ruolo di Joint Global Coordinator e da Emintad Italy in qualità di financial advisor. Directa SIM è l’intermediario finanziario incaricato della ricezione di ordini per il segmento retail. Nctm agisce in qualità di legal advisor, Kpmg come società di revisione, Studio Gnudi come advisor fiscale e A2B come advisor per i dati extracontabili. Close to Media è consulente per la comunicazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Rai, l’ambasciata svedese protesta per un servizio del Tg2: “troppi errori”. La replica: fatto chiarito, noi corretti

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Radio Radicale si appella al presidente della Repubblica. Il Cdr: non è questione di una singola testata, in gioco la democrazia

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala

Fabio Fazio a Mediaset? Una bufala