Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per Radio Radicale

Continua a raccogliere sostenitori la “battaglia per la vita di Radio Radicale”: rappresentanti delle istituzioni, politici, giornalisti, esponenti del mondo dello spettacolo e della cultura insieme alle decine di migliaia di firmatari della petizione su Change.org per “garantire il diritto dei cittadini a conoscere per deliberare”.

Tutti gli interventi a sostegno della battaglia per la vita di Radio Radicale

La legge di bilancio approvata dal Parlamento ha infatti stabilito il dimezzamento della convenzione (da 10 a 5 milioni per il solo 2019) finora corrisposta all’emittente per il sevrizio pubblico che da 40 anni svolge trasmettendo le sedute del Parlamento e seguendo l’attività delle Istituzioni, dalla Corte Costituzionale al Csm. Il Governo ha deciso inoltre che dal 21 maggio la convenzione non sarà rinnovata e ciò costituisce una seria minaccia per il prosieguo delle attività di Radio Radicale.

Radio Radicale è una “specie di Treccani, dove c’è la voce, ci sono le idee, gli scontri dei politici”, ha detto Piero Angela che si è aggiunto ai firmatari dell’appello: “qualunque storico che vuole ricostruire i momenti importanti dell’Italia ha a disposizione un archivio incredibile e preziosissimo, e questa cosa non deve andar persa”. Con lui tanti volti noti, dal comico e attore Luca Bizzarri (“è come il greco a scuola, serve a ragionare con la tua testa) a Rocco Papaleo, Alessandro Haber, Luca Barbarossa, Jimmy Ghione, Alessandro Gassmann. Ma anche Dario Ballantini (nei panni di Giuseppe Conte) e Sabina Guzzanti, Andrea Camilleri e Lucia Annibali e Riccardo Iacona.

Tanti i politici e trasversali agli schieramenti, come Bobo Craxi, Mariastella Gelmini, Graziano Delrio, Giusy Versace, Ignazio La Russa, Gianni Cuperlo, sindaci e rappresentanti delle istituzioni locali, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e il presidente Corte Costituzionale Giorgio Lattanzi, la Fnsi e l’Associazione Stampa Estera.

A tenere traccia di tutti gli interventi a sostegno di Radio Radicale è il sito dell’emittente con una sezione dedicata e aggiornata in tempo reale. Nel frattempo è nato anche l’intergruppo parlamentare per il rinnovo della convenzione.

“Ascoltavo Radio Radicale da ragazzino quando c’era Marco Pannella”, ricorda Urbano Cairo, presidente e ad di Rcs MediaGroup: “è sempre stata una radio libera, che ha sempre fatto grande informazione, servizio pubblico, ed è importante che venga preservata, che possa continuare a operare come ha fatto in questi anni con grande capacità di dare alla gente informazioni libere”.

Radio Radicale “crea incubi ai sovranisti, non li fa dormire la notte perché in qualche modo voi vi prendete gioco di loro”, ha dichiarato ai microfoni dell’emittente il filosofo Bernard-Henri Lévy, “li prendete per dei pagliacci e non lo sopportano, faranno di tutti per farvi tacere, non è ancora finita”.

Tutti gli interventi a sostegno della battaglia per la vita di Radio Radicale

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato una mozione che impegna il presidente Nicola Zingaretti (peraltro appena eletto segretario del Pd) e la Giunta regionale a farsi parte attiva nei confronti del Governo e del Ministero dello Sviluppo Economico perché pongano in essere tutte le azioni possibili per evitare la chiusura di Radio Radicale.

Il Cdr di Radio Radicale ha chiesto un incontro al ministro del lavoro Luigi Di Maio per discutere della situazione di circa 100 persone tra gioranlisti, tecnici, archivisti e personale amministrativo che rischiano di perdere il posto di lavoro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nessuna lettera di Della Valle, Intesa Sanpaolo e Pirelli sulla vicenda Rcs-Blackstone

Nessuna lettera di Della Valle, Intesa Sanpaolo e Pirelli sulla vicenda Rcs-Blackstone

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Audience Lab, nasce negli Usa un progetto (sostenuto da Google) per aiutare i giornali a fidelizzare i lettori

Audience Lab, nasce negli Usa un progetto (sostenuto da Google) per aiutare i giornali a fidelizzare i lettori