Decreto Franceschini, oggi incontro tra Borgonzoni e produttori tv: in arrivo modifiche sulle quote obbligatorie

Il 20 marzo pomeriggio sono previste grandi novità che potrebbero stravolgere il decreto Franceschini sulle quote obbligatorie delle emittenti a favore dei produttori indipendenti di cinema e dell’audiovisivo e che avevano sollevato grandi polemiche soprattutto da parte di Mediaset, Sky e Discovery.

Presso la sede del Mibac, il Sottosegretario Lucia Borgonzoni ha convocato le principali emittenti televisive e le tre Associazioni maggiormente rappresentative del settore, Apa, Anica e Cna.

Il sottosegretario al ministero dei Beni culturali Lucia Borgonzoni con il presidente dell’Associazione Produttori Televisivi,  Giancarlo Leone (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

In quella sede sarà presentata una bozza di accordo che dovrebbe attenuare gli obblighi di programmazione delle emittenti televisive soprattutto in prime time, focalizzare sulle sole produzioni indipendenti gli obblighi di investimenti e limare le sottoquote di investimento sul prodotto cinematografico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio