Nasce Mediapro ‎Studio: 200 milioni per produrre contenuti

Mediapro Group, noto in Italia soprattutto per le vicende legate ai diritti tv del calcio per la serie A, ha deciso di ampliare il proprio business di contenuti con il lancio di Mediapro Studio che nel giro di un anno realizzerà, produrrà e distribuirà 34 serie tv in spagnolo e inglese.

Con sede a Barcellona, Mediapro Studio, con dieci uffici creativi in tutto il mondo, prevede un investimento globale di 200 milioni per produrre serie tv, film, show, formati brevi e documentari in Spagna, Italia, Portogallo, Regno Unito, Finlandia, Colombia, Messico, Argentina, Cile, Stati Uniti e Medio Oriente.

Jaume Roures, ceo di Mediapro

‎Jaume Roures, managing partner di Mediapro Group, ha dichiarato: “E’ arrivato il momento di andare oltre il nostro ruolo di compagnia di produzione e di diventare un vero e proprio Studio. Per ben 25 anni abbiamo prodotto centinaia di progetti d’alta qualità in tutto il mondo, grazie alla nostra capacità di sviluppare contenuti globali, andando dal concept alla distribuzione, includendo sia la produzione esecutiva sia la direzione artistica. Per questo motivo siamo pronti a fare un passo avanti e creare un contenuto unico”.

Tatxo Benet, managing partner del gruppo, afferma: “Intendiamo diventare una compagnia globale, con un ruolo chiave all’interno dell’industria internazionale dei contenuti, consolidando la nostra presenza in tutto il mondo come parte integrante del nostro progetto di crescita. Questo progetto ci permetterà di aumentare la nostra audience e la nostra capacità produttiva”.

Javier Mendez Zori, Javier Pons e Laura Fernandez Espeso avranno il compito di supervisionare le attività di produzione dello Studio in tutti i paesi per dare impulso alla creazione, produzione, finanziamento e distribuzione di contenuti, andando anche a rafforzare la loro presenza negli USA grazie all’ufficio newyorkese aperto tre anni fa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente