Google entra nel mercato dei videogiochi con Stadia, piattaforma in streaming accessibile da tutti i device

Google lancia la sfida a Microsoft e Sony e fa il suo ingresso nel mondo da 140 miliardi di dollari dei videogiochi con ‘Stadia’, piattaforma in streaming al pari di Netflix. La presentazione alla Game Developers Conference a San Francisco.

Phil Harrison (Foto Ansa – EPA/ALEJANDRO GARCIA)

Stadia offre accesso immediato al gioco senza la necessità di scaricarlo, appunto in streaming e attraverso tutti i titpi di device, dai laptop, ai desktop, dalle tivù, a tablet e smartphone. Spiegandone il funzionamento, Phil Harrison, un ex di Sony e Microsoft, ha sottolineato anche che essa porterà lo streaming di giochi ad un livello superiore usando YouTube. “Il centro dati è la vostra piattaforma. Un gioco può iniziare su una piattaforma e poi continuare su un’altra. Ciò vuol dire che si può giocare dal computer e poi continuare sullo smartphone se si decide si uscire di casa”. Inoltre se si sta guardano il video di un gioco su YouTube basta cliccare ‘gioca’ e immediatamente si verrà catapultati nel gioco in pochi secondi senza bisogno di scaricarlo prima. Volendo gli utenti potranno anche giocare con un controller in vendita separatamente.

La piattaforma sarà disponibile quest’anno, ma senza una data precisa, negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito ed Europa. Non si hanno allo stesso modo dettagli sul prezzo o suoi titoli dei giochi ad eccezione di un nuovo ‘Doom’. Google ha detto che Stadia supporta giochi in 4K a 60 fps con HDR mentre in futuro la risoluzione passerà a 8K. Il joystick o controller sarà bianco, nero o azzurro chiaro, dal design semplice con le frecce direzionali, quattro tasti di gioco e anche il tasto “capture” per condividere le azioni su Youtube e quello per chiamare in causa l’assistente da remoto di Google.

Google non è il solo big del web ad avere una piattaforma di videogiochi in streaming. Nvidia e Sony già ne hanno una mentre Microsoft ha in programma di lanciare xCloud e anche Amazon è pronta a seguire la stessa strada.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio