WhatsApp: allo studio una funzione per verificare l’attendibilità delle foto

Contro le fake news, WhatsApp in futuro darà modo agli utenti di fare ricerche sulle immagini che ricevono in chat, così da poter risalire alla fonte e valutarne l’attendibilità. La novità, di cui ha riferito il sito WABetaInfo, è stata scovata su una versione beta, cioè non definitiva, dell’applicazione. Nella versione beta sono presenti sia un motore di ricerca interno (che consente di fare ricerche sul web senza uscire da WhatsApp), sia la possibilità di eseguire una ricerca per immagini, e cioè di inserire una foto nella barra di ricerca in cui normalmente si scrivono le parole chiave per trovare ciò che ci interessa nel mare magnum della rete. In pratica, se l’utente riceve un’immagine, può caricarla su Google e vedere, tra i risultati della ricerca, in quali pagine web è stata pubblicata in passato.

CC0 Creative Commons (Pixabay License)

La nuova funzione, più che contrastare direttamente le notizie false, darà in mano agli utenti uno strumento per controllare le notizie che ricevono in chat.

Non è la prima mossa studiata dall’app di messaggistica per mettere in guardia le persone sui contenuti dubbi. Già da mesi infatti agli utenti viene segnalato quando un messaggio che si riceve non è stato scritto da chi lo manda, bensì inoltrato, ed è stato limitato il numero di persone a cui si può inviare simultaneamente lo stesso messaggio, così da contenere la propagazione delle bufale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy