Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Non decolla Today In, il servizio di notizie locali lanciato negli Usa da Facebook, in accordo con le testate giornalistiche. Il motivo? Non ci sono abbastanza news locali per riempirlo. Istituito lo scorso anno ed attualmente disponibile in circa 400 città nel nord America, negli intenti del social Today In avrebbe dovuto raccogliere le segnalazioni su avvenimenti locali, proponendo ogni giorno almeno cinque articoli. Ma da Menlo Park hanno constatato che il 40% degli americani vive in luoghi in cui non ci sono sufficienti notizie locali per alimentare il servizio. In particolare, Facebook ha notato come il 58% degli abitanti del New Jersey, circa il 35% del Midwest, del Nordest e del Sud e il 26% dell’Ovest risiedano in aree non raggiunte dall’informazione.

Il ‘news desert’ fotografato da Facebook sulla base alle notizie raccolte in Today In

“Negli ultimi 28 giorni non c’è stato un solo giorno in cui siamo stati in grado di trovare cinque o più articoli di notizie recenti direttamente correlati a queste città”, ha scritto Facebook sul sito dedicato a Today In.

Il ‘news desert’ fotografato da Facebook

Una costatazione che fanno riflettere, considerando anche che in circa 15 anni, come fa notare il sito Engadget, hanno chiuso circa 1800 giornali negli Usa. E di certo una parte delle responsabilità di questa situazione non può che ricadere anche sui giganti della rete.

Nessuna soluzione per raccogliere più notizie, ma la piattaforma ha previsto di assegnare di assegnare circa 100 sovvenzioni, fino a 25.000 dollari per persone che mettano in campo idee per rendere disponibili più news. La cifra si aggiunge ai 300 milioni di dollari in sovvenzioni che Facebook lo scorso gennaio ha annunciato di voler destinare per aiutare i giornali locali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio