La raccolta di Sport Network sulle tv Supertennis, Automototv ed emittenti locali cresce in doppia cifra

Ricavi pubblicitari in crescita a doppia cifra nei primi mesi dell’anno per il portafoglio televisivo di Sport Network. Così un comunicato dalla concessionaria del Gruppo Amodei, presente sul mercato con due emittenti nazionali come Supertennis (che ha appena rinnovato l’accordo con Sport Network per un triennio) e Automototv, a cui si affianca un’offerta di tv areali che, complessivamente, esprimono quotidianamente uno share globale vicino all’1% e oltre 3,5 milioni di contatti netti. Per queste emittenti, la concessionaria raccoglie la pubblicità nazionale.

Aldo Reali, amministratore delegato di Sport Network

“In un mercato tv molto impegnativo stiamo riscontrando un interesse particolare per i nostri mezzi”, commenta l’amministratore delegato Aldo Reali riferendosi alle due emittenti nazionali, “tv verticali molto ben identificate, con palinsesti ricchi e target di riferimento molto interessanti per gli inserzionisti”. Mentre sul fronte delle locali, Sport Network, prosegue Reali, vanta “un’offerta forte sul territorio e complementare alle tv nazionali”.

Complessivamente, prosegue il comunicato stampa, le tv rappresentano il 10% dei ricavi di Sport Network. In particolare, spiega l’ad, grazie a Supertennis e ai suoi prestigiosi tornei nazionali e internazionali, “possiamo proporci al mercato con offerte dedicate, composte da formati live specifici, garantendo a tutti i clienti posizioni molto impattanti come i ‘Super spot’ e gli ‘Spot live’. Gli eventi live quadruplicano l’audience media del canale sul target di riferimento, come emerge dai dati Auditel e in occasione degli Internazionali di Roma, previsti per maggio, il canale sarà anche post valutabile elettronicamente grazie ai log file”.

Automototv, invece, è il canale completamente dedicato al mondo delle auto e delle moto, 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, con contenuti vari tra talk show, prove verità a cura di esperti, informazione quotidiana sul mondo delle due e quattro ruote, ma anche approfondimenti su energia rinnovabile, innovazione tecnologica legata alla tutela dell’ambiente, mobilità sostenibile, green building ed economia circolare nella fascia giornaliera dedicata Emc (Energy/Electric/Earth Mobility Channel).

Per quanto riguarda le tv areali o di prossimità, il responsabile commerciale dell’area televisiva Maurizio Guerrieri spiega: “Rappresentano il meglio dell’editoria televisiva territoriale come riconosciuto dall’Agcom nella sua indagine dedicata al sistema informativo regionale. La graduatoria del Mise indica Telenorba, Videolina, Canale21 e Antenna Sicilia tra le eccellenze informative regionali con una penetrazione sul territorio tale da renderle utili per tutti i brand che vogliono conquistare maggiore visibilità in quei territori. La nostra offerta tv si completa di altre emittenti leader nei propri territori, coprendo la maggior parte delle regioni italiane”.

Proprio a misura delle principali emittenti del Sud Italia è stato ritagliato il Progetto al Sud, quattro ore di programmazione comune alle emittenti composte dal cooking show Anna e i suoi Fornelli, condotto da Anna Falchi e, a seguire, dal talk show Buon Pomeriggio, con Michele Cucuzza. Questa programmazione offre l’opportunità di sviluppare prodotti pubblicitari unconventional tra cui telepromozioni e branded content “che sul target +35 raggiungono quasi un punto di share areale – commenta Maurizio Guerrieri -, questa progettualità rafforza ulteriormente la sinergia fra la nostra concessionaria e le stesse emittenti”. Nell’ambito delle tv areali è stata varata una nuova politica commerciale televisiva che punta a valorizzare la qualità dei contenuti, per esempio con il Modulo TG con il quale è possibile raggiungere in unica soluzione 26 telegiornali, posizionando gli spot a ridosso dell’informazione in break nazionali.

“Quello che contraddistingue la nostra proposta – conclude Guerrieri – è la capacità delle nostre emittenti di presidiare i territori. In aree come la Sardegna, la Puglia, la Campania, la Sicilia e la Calabria scegliere le nostre emittenti significa, per qualunque brand, avere un posto preferenziale alla tavola di 20 milioni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy