Il rilancio di Cofidis parte dall’Italia. Obiettivo World Tour nel 2020

Il Belpaese come trampolino verso la serie A del ciclismo mondiale. Gli obiettivi del Team Cofidis, che alla vigilia della Milano-Sanremo ha presentato squadra e nuova divisa al Mandarin Oriental Hotel, sono quelli di correre di più in Italia e iscriversi al circuito Uci World Tour nel 2020. Ma anche tornare a vincere una tappa al Tour de France, che manca ormai da dieci anni.

Roberto Damiani (ds Cofidis Team), Cédric Vasseur (dg Cofidis Team) e Alessandro Borzacca (direttore generale Cofidis Italia)

Cofidis è l’unico caso nel mondo del ciclismo contemporaneo dove coincidono sponsor e proprietà, ovvero la società francese di credito al consumo che ha sede a Lille e che è sbarcata in Italia nel 1996, anno della fondazione del team. “Oggi presentiamo, con una storia alle spalle di ventitré anni di competizioni, la nostra squadra rinnovata per il 2019”, ha dichiarato il direttore generale del team Cédric Vasseur spiegando l’intenzione di correre di più anche in Italia: “quest’anno ci auguriamo di superare il 2018 che è stato già molto positivo con 21 vittorie”. Ma il 2019 sarà soprattutto “propedeutico al nostro obiettivo ambizioso di riuscire ad iscriversi al World Tour nel 2020”.

Per quest’edizione della Milano-Sanremo, di cui Cofidis è sponsor partner, è stata stretta anche una partnership con la Scuola di Comunicazione Iulm per il Master in Marketing e Comunicazione dello Sport, con l’obiettivo di sviluppare nuove strategie e progetti di marketing nell’ambito del ciclismo, in particolare l’implementazione di una serie di attività di comunicazione per la prima grande classica nel calendario delle corse ciclistiche.

Francesco Moser e alle sue spalle, Giulia Garlando, brand & comunicazione Cofidis. Sulla sinistra la nuova maglia

Lato comunicazione e marketing si segnalano, inoltre, la campagna sul claim “Cofidis il prestito che corre”, pubblicizzata attraverso banner dedicati su siti web del circuito Rai, Gazzetta dello Sport e altre riviste specializzate, e la campagna social-concorso “Cofidiselfie” dal 21 marzo al 15 aprile. Promosso attraverso post sponsorizzati su Facebook e Instagram, il concorso mette in palio, per chi carica la propria foto “smiling” sulla piattaforma dedicata, una bicicletta Kuota; testimonial Ignazio Moser, cognome importante legato al mondo della bicicletta essendo figlio di Francesco.

La società, in Italia, ha sede a Milano e nel 2018 ha gestito 900 milioni di euro in volumi. “Il rapporto con la squadra di ciclismo ci ricorda una caratteristica propria di Cofidis”, ha spiegato Alessandro Borzacca, direttore generale per l’Italia: “la persona a servizio della squadra e la squadra al servizio della persona”.

La nuova divisa, dove il bianco predomina sul rosso delle passate stagioni e con gli iconici raggi del sole che caratterizzano il brand, è stata disegnata dallo studio Skål di Lione e realizzata da Nalini, a conferma dello stretto legame tra Cofidis e l’Italia. Italiane sono anche le biciclette prodotte dall’azienda brianzola Kuota su cui corrono le due stelle del team, Nacer Bouhanni e Christophe Laporte, e compagni. Sotto la direzione sportiva dell’Italiano Roberto Damiani, quest’anno, sono 8 le nazionalità presenti in squadra.

Ds e dg con gli atleti del team

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 28 aprile la finale di Coppa Italia di calcio femminile

Il 28 aprile la finale di Coppa Italia di calcio femminile

Il rugby italiano torna sulle reti Rai con le finali Top12

Il rugby italiano torna sulle reti Rai con le finali Top12

Francesco Molinari sbarca su GolfTv

Francesco Molinari sbarca su GolfTv