Partnership Rai-China Media Group. Salini: cooperazione per televisione, radio, cinema e attività di formazione

Rai e Cmg-China Media Group hanno firmato oggi, venerdì 22 marzo 2019, il “Memorandum of Understanding”, un accordo triennale volto a promuovere la reciproca collaborazione. L’iniziativa si è svolta in occasione della visita in Italia del Presidente cinese Xi Jinping.
Il Direttore Generale di China Media Group Shen Haixiong ha incontrato il Presidente Rai Marcello Foa e l’Amministratore Delegato Rai Fabrizio Salini e Insieme hanno sottoscritto un memorandum che salderà i rapporti tra RAI e CMG, un accordo frutto del lavoro della Direzione CREII-Relazioni Internazionali, durato ben 3 anni.

Il presidente cinese Xi Jinping con Sergio Mattarella al Quirinale, 22 marzo 2019 (foto Ansa)

“Un’intesa che favorisce lo scambio dei valori culturali tra Cina ed Italia – ha spiegato l’Ad Salini – e l’arricchimento delle reciproche competenze professionali. L’incontro di oggi rappresenta la prima tappa di un percorso – che spero – si riveli lungo e proficuo per entrambi”.
“Cina ed Italia sono due superpotenze culturali – il commento del Direttore Generale di China Media Group Shen. Questo accordo avrà il compito di saldare i nostri rapporti. Siamo disposti a realizzare scambi di prodotti audiovisivi che abbiano al centro proprio i nostri valori culturali”.
“Alla Rai è affidata la più grande missione culturale del paese – ha sottolineato il Presidente Foa-. E’ fondamentale aprirsi al mondo per veicolare la nostra cultura. China Media Group e Rai, con la firma di questo accordo, possono incrementare gli scambi culturali Italia-Cina.”

Il “Memorandum of Understanding” darà vita a un tavolo di lavoro congiunto, finalizzato ad individuare iniziative di cooperazione nel settore radiotelevisivo. Si tratta di collaborazioni nei settori radio, cinema, televisione, attività di formazione, coproduzioni di programmi e contenuti destinati ai mercati dei due Paesi e al mercato internazionale. L’auspicio è che la cooperazione porti a importanti progetti e iniziative, anche in considerazione del ruolo significativo che i servizi pubblici radiotelevisivi hanno nella promozione dei rispettivi paesi e del rilevante contributo che sono in grado di offrire allo sviluppo dell’industria creativa, della comunicazione e dell’innovazione.

Alla fine del 2015 era stato sottoscritto un “MoU” con China Radio International, scaduto a dicembre 2017. Le prime iniziative di collaborazione avviate dopo la firma erano state la “Giornata Radio della Cina in Italia”, realizzata dalla RAI nei giorni del G20 ad Hangzhou (Cina) e la “Giornata Radio dell’Italia in Cina”, realizzata da China Radio International nel 2016, in concomitanza con la Settimana della cucina italiana nel mondo, promossa dal Ministero degli Affari Esteri. Durante la fase di rinegoziazione dell’accordo con CMG, per la prima volta durante il Festival di Sanremo 2018 un giornalista cinese di China Radio International ha seguito la tutta manifestazione, realizzando servizi e interviste che hanno dato grande risalto all’evento in Cina.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Manovra, Fnsi: inaccettabile impostazione emendamenti. Resta tentativo M5S di affossare Inpgi e settore

Manovra, Fnsi: inaccettabile impostazione emendamenti. Resta tentativo M5S di affossare Inpgi e settore

Rai, la Corte dei Conti archivia il procedimento sul contratto di Fazio: ‘Ctcf’ costa la metà dei programmi di intrattenimento

Rai, la Corte dei Conti archivia il procedimento sul contratto di Fazio: ‘Ctcf’ costa la metà dei programmi di intrattenimento

RadioPlayer Italia raggiunge quota 100 e si prepara al lancio entro marzo. Per le emittenti bonus iscrizione entro il 15 dicembre

RadioPlayer Italia raggiunge quota 100 e si prepara al lancio entro marzo. Per le emittenti bonus iscrizione entro il 15 dicembre