Spotify ha classificato la musica in 2.000 generi diversi

In occasione dell’incontro milanese riservato alla stampa con Rob Walker, Global Director Creative Solutions di Spotify, la piattaforma di streaming musicale ha proiettato una serie di slide dedicate alle capacità di raccolta pubblicitaria basate sull’immensa mole di dati a disposizione.

Rob Walker, Global Director Creative Solutions Spotify (foto Primaonline)

 

In una di quelle slide  Rob Walker  evidenziava come Spotify  abbia classificato la musica in 2.000 generi diversi, un numero davvero impressionante.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

Aumento dell’ascolto medio e contatti raddoppiati. L’effetto del lockdown sulle tv locali

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

L’Ue pensa a norme più severe per le big tech. Il piano Vestager: delineare confini legali, e non applicare solo leggi antitrust

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni

Google lancia Digital Growth, programma di formazione per editori di piccole e medie dimensioni