Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

“La cerimonia di apertura sarà soltanto il trampolino di lancio di un percorso lungo, complesso e partecipato, che nei prossimi mesi coinvolgerà tutti gli attori, i professionisti e le categorie del settore”. Ad affermarlo il sottosegretario all’Editoria, Vito Crimi, parlando degli Stati Generali dell’Editoria, al via lunedì 25 marzo.

“L’obiettivo del Governo è realizzare una riforma strutturale, importante e necessaria per un comparto cruciale come quello dell’editoria, che sappia finalmente porre al centro i diritti dei cittadini e valorizzare la filiera nella sua interezza”, ha detto ancora il sottosegretario.

Vito Crimi (Foto
ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Manca ancora qualche giorno all’appuntamento, eppure vedo già tanta disinformazione. Addirittura qualcuno vaneggia di una “falsa partenza” e di mancati inviti. È un vero peccato che si tenti di boicottare a colpi di fake news un evento unico nel suo genere, che darà voce a tutti i soggetti coinvolti. Ci ritroviamo dunque a dover precisare, nell’ordine, che: l’associazione Stampa Parlamentare è stata regolarmente invitata nella figura del suo Presidente, il quale ha confermato la sua presenza; anche la Federazione Italiana Liberi Editori (FILE) e l’Alleanza delle Cooperative Italiane (ACI) sono state regolarmente invitate; i giornalisti non verranno “tenuti fuori”: coloro che desiderano seguire l’evento potranno farlo accreditandosi con le consuete modalità tramite l’ufficio stampa di Palazzo Chigi”.

“Ci attendono mesi di confronto, dibattito e lavoro serrato su temi di rilevanza nazionale ed oltre – ha sottolineato ancora l’esponente M5S. Ci confronteremo con agenzie di stampa, editori, giornalisti, distributori nazionali e locali, investitori, centri media, edicolanti, poligrafici, fotoreporter, videogiornalisti, social media manager e tantissime altre categorie. Ci sarà il tempo di avanzare proposte concrete e discutere di idee, valori ed obiettivi”.

“Appaiono quindi davvero singolari i tentativi di screditare l’evento di apertura degli Stati Generali, che è solo l’avvio di un lungo percorso”, ha rimarcato Crimi in conclusione.

Ecco il programma.

Alle ore 9 intervento di apertura del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e a introduzione ai lavori di Vito Crimi.

Dalle 10 in poi interverranno:
Marco Giovannelli presidente Anso, Andrea Riffeser Monti presidente Fieg, Raffaele Lorusso segretario generale Fnsi, Carlo Verna presidente Odg, Francesco Saverio Vetere presidente Uspi e Giovanna Maggioni dg Upa.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi