Copyright, la Fieg agli eurodeputati italiani: sì per difendere la democrazia e il diritto a una libera stampa

Con un appello pubblicato a tutta pagina su diversi quotidiani, la Fieg si rivolge nuovamente agli eurodeputati italiani, chiedendo loro di dire ‘Sì’ alla direttiva sul copyright nella votazione in programma il 26 marzo a Strasburgo. Un sì che, scrive la federazione degli editori, andrà a “difesa della democrazia e del diritto dei 150 milioni di lettori europei ad una libera stampa”, senza avere delle ripercussioni sull’uso della Rete che “resterà libero, senza alcuna limitazione delle libertà individuali”, con la possibilità per gli utenti di “accedere liberamente alle notizie online, usare social, a produrre blog, a condividere opinioni, foto e link”.

L’appello Fieg oggi sulle pagine dei quotidiani

“Giornali economicamente indipendenti sono presidio di informazione autorevole e verificata, unico argine ai rischi di deriva delle fake news”, rileva la Fieg, che, poi aggiunge “nessuna link tax ma solo la giusta e proporzionata remunerazione per l’uso digitale delle opere dell’ingegno, per conferire concreta dignità al lavoro di giornalisti ed editori”.

“Una protezione efficace del diritto d’autore anche in rete, conclude la Fieg, rafforza i meccanismi della vita democratica, nel rispetto di principi e diritti patrimonio della nostra civiltà europea”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente