La Fnsi apre i tavoli degli Stati generali a quanti hanno “condiviso con noi iniziative per libertà e diritti”

“L’auspicio è che gli Stati generali dell’editoria inaugurati oggi siano davvero il più possibile partecipati”. Lo ha detto Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della stampa italiana, nel corso della conferenza stampa convocata nella sede del sindacato per fare il punto dopo l’apertura degli Stati generali dell’editoria. “Per questo la Fnsi promuoverà una serie di incontri ai quali saranno chiamate a confrontarsi tutte quelle realtà associative che si muovono nel panorama dell’informazione e con le quali abbiamo condiviso nel recente passato iniziative per la libertà e i diritti. Un confronto che servirà a mettere a punto i contributi da portare ai tavoli governativi”.

Raffale Lorusso e Beppe Giulietti (Foto Fnsi.it)

Lotta al precariato. “Il nodo centrale deve essere il lavoro”, ha tagliato corto il segretario generale. “Non si può parlare di informazione senza parlare di qualità del lavoro. Di contrasto al precariato. Di buona occupazione. Senza lavoro regolare non si salva il sistema. Occorre coinvolgere professionisti, giuristi, ricercatori che contribuiscano a stilare provvedimenti normativi che siano validi anche in prospettiva futura”.

Bene le parole, ora i fatti. Lorusso ha fatto sapere che “il sindacato ha accolto con favore la disponibilità dell’esecutivo ad affrontare il tema nella sua globalità”, pur sottolineando come sia “necessario che le parole di oggi si trasformino in atti che smentiscano quanto fatto finora dal governo, come i tagli che hanno colpito quelle voci che senza sostegno pubblico corrono il rischio di non potersi più esprimere”.

Intervenga lo Stato. “Senza intervento pubblico – sostiene il segretario della Fnsi – questo settore non può ripartire. Auspichiamo che l’attenzione data ad altri settori sia ora riservata anche all’editoria”.

Liti temerarie. Lorusso ha poi ribadito la necessità di “intervenire contro le querele temerarie” ed espresso vicinanza ai giornalisti delle agenzie di stampa e ricordato il caso del Comune di Roma che “vuole schedare i colleghi delle agenzie che lavorano in Campidoglio. Chi ha avuto questa idea farebbe bene a fare subito un passo indietro”.

Appello a Mattarella. “Quando si vogliono cancellare i mediatori, i corpi intermedi – ha proseguito – si è fuori dalla costituzione senza referendum. Dobbiamo rivolgere un appello al Capo dello Stato. Chi vuole cancellare i giornalisti vuole cancellare il ruolo di chi fa le domande. Colpire il fondo per l’editoria significa indebolire le voci della diversità e del pluralismo”.

Moratoria. Sul taglio del contributo pubblico all’editoria, hanno concluso Lorusso e Giulietti, “il sindacato chiederà una moratoria e intanto convocherà giuristi, costituzionalisti, studiosi chiamati anche ad approfondire le buone pratiche diffuse in altri Paesi”.

Chi c’era. Alla conferenza stampa hanno partecipato, fra gli altri, i rappresentanti di Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione e Federazione italiana liberi editori; il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani; il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio; il segretario dell’Ucsi, Maurizio Di Schino; giornalisti e giornaliste del Manifesto, di Avvenire, di Articolo21, dell’associazione Giulia giornaliste, del Giornale radio sociale, del Sindacato cronisti romani.

 

Leggi tutto lo speciale di Primaonline sugli Stati generali dell’editoria

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza

Rai, Salini: condivido la contrarietà per i toni dell’intervista di Vespa, faremo chiarezza

Sky Italia, Carlo Mariotta torna come director of sport rights acquisition, properties management and partner relations

Sky Italia, Carlo Mariotta torna come director of sport rights acquisition, properties management and partner relations

Rai: Francesca Flati nuovo capogruppo M5S in Vigilanza dopo Paragone. Foa? “Possibile che la nostra valutazione sia cambiata”

Rai: Francesca Flati nuovo capogruppo M5S in Vigilanza dopo Paragone. Foa? “Possibile che la nostra valutazione sia cambiata”