Mattarella: cinema importante per il sistema Paese. Per il settore opportunità dalle nuove piattaforme

“La dimensione industriale del cinema, la sua valenza economica e produttiva hanno grande importanza per il sistema-paese”.  Ad affermarlo il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un passaggio del suo discorso alla presentazione al Quirinale delle cinquine dei premi David di Donatello,giunti alla 64esima edizione, che verranno consegnati stasera a Roma.

“E’ un dimostrazione ulteriore di quanto valga e di quanto pesi la cultura nello sviluppo di una società moderna. Chi sostiene che la cultura non ha a che fare con l’economia non è un vero economista”, ha rimarcato Mattarella, che poi ha chiamato in causa il ruolo dell’Europa nel settore cinematografico.

Sergio Mattarella (Foto Ansa/Alessandro Di Meo)

“Esiste un cinema europeo che non è solo la somma dei prodotti nazionali e l’Europa deve giocare con saggezza le proprie carte per difendere, promuovere e valorizzare il proprio patrimonio di creatività e di cultura di fronte a competitori potenti, a soggetti globali”. “I singoli Paesi rischiano di non farcela da soli, di non reggere le onde d’urto. Sentiamo il bisogno che l’Europa offra occasioni più grandi ai nostri progetti”, ha aggiunto.

“L’interdipendenza tra cinema e tv, ma anche le opportunità offerte dalle nuove piattaforme, costituiscono una sfida a cui non si può rinunciare. Dall’incontro dei linguaggi e di tecniche il cinema può trarre forza, risorse, e nuove relazioni con il pubblico, peraltro trasmettendo un po’ della sua cultura ai nuovi media”, ha aggiunto in conclusione Mattarella.

Alla cerimonia, condotta da Geppi Cucciari, è intervenuto anche Ministro Mibac, Alberto Bonisoli. Tra gli altri erano presenti il presidente dell’Agis, Carlo Fontana, il Presidente dell’Anica, Francesco Rutelli, esponenti della cultura, dell’arte, dello spettacolo, dell’industria e personalità rappresentative della società italiana.

“Siamo al governo da circa dieci mesi soprattutto con l’intento di far crescere il pluralismo e la circolazione internazionale della nostra cultura”, ha detto Bonisoli. Tra gli obiettivi del Governo, ha spiegato il ministro “un decreto sul rispetto delle finestre temporali… e questo anche per abbattere la pirateria”. Altro provvedimento, “il finanziamento di 30 milioni di euro per la ristrutturazione delle sale cinematografiche” in modo che questi luoghi siano sempre più unici ed adeguati ai tempi e dunque più appetibili per il mercato. Infine è in corso d’opera, conclude il ministro, ”un progetto speciale a sostegno dei film che abbiano come tema la violenza alle donne e i femminicidi”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente