Il Dubbio: Carlo Fusi dal 2 aprile nuovo direttore al posto di Piero Sansonetti

Cambio di direzione a Il Dubbio. Da martedì 2 aprile a dirigere il quotidiano della Fai, Fondazione dell’Avvocatura Italiana, sarà Carlo Fusi, sostituendo Piero Sansonetti che ha guidato fin dalla nascita, tre anni fa.

Già notista politico del quotidiano, Fusi, 64 anni, ha cominciato al Globo per poi passare all’Ansa, nella redazione politico-parlamentare, come resocontista d’aula. Nell’agosto del 1988 è stato assunto al Messaggero dove è rimasto fino al 2014 percorrendo tutti i passaggi nel servizio politico: cronista, analista, commentatore, titolare di una rubrica di analisi e commento intitolata ‘Il Mosaico’. Sempre per conto del Messaggero ha seguito in qualità di inviato alcuni dei più importanti avvenimenti internazionali, compreso l’attacco alle Torri Gemelle del settembre 2001.

Carlo Fusi

Fondato nel 2016 su iniziativa di Andrea Mascherin, presidente del Consiglio nazionale forense Il Dubbio, con più di 40mila abbonati, “rappresenta un esperimento unico nell’editoria italiana”, ha affermato Fusi, definendo il giornale “un quotidiano generalista attento in particolare al tema della salvaguardia dei diritti”. Tra i progetti, quello di rafforzare la presenza nelle edicole, “con una presenza più attiva a Milano e a seguire in altre città italiane”, ha concluso Fusi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio