Gmail compie 15 anni. E ora fa programmare linvio dei messaggi di posta

Compie 15 anni Gmail, il servizio di posta elettronica di Google. “Il 1 aprile 2004 abbiamo lanciato Gmail, aveva la potenza della ricerca Google, offrendo 1 GB di spazio gratuito: quasi 100 volte quello che era disponibile in quel momento. Non c’è da stupirsi che il mondo pensasse fosse uno scherzo”, ha scritto l’azienda di Mountain View in un post.

Sundar Pichai, ceo di Google (Foto Ansa(Epa/Rajat Gupta)

Per festeggiare la ricorrenza, Big G ha aggiunto due nuove funzioni, anticipate da alcuni blog già nelkle scorse settimane. La prima riguarda la possibilità di  programmare l’invio della posta elettronica, ad un orario o una data desiderata, magari più utili o meno inopportuna per chi le leggerà.
La seconda è un aggiornamento di Smart Compose che aiuta a scrivere le email più velocemente, grazie a una funzione predittiva basata sull’Intelligenza Artificiale e l’apprendimento automatico (machine learning).

L’aggiornamento è disponibile su piattaforma Android e ora include più lingue (spagnolo, francese, italiano e portoghese); su iOS di Apple è “in arrivo”. “Smart Compose – ha spiegato Google – ha consentito agli utenti di risparmiare oltre 1 miliardo di caratteri ogni settimana, sufficienti a riempire le pagine di mille copie del Signore degli Anelli”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti