Online il sito degli Studios di Cinecittà. Obiettivo aprire le porte agli addetti ai lavori, nuove professionalità e appassionati

Cinecittà Studios rinnova logo e sito Internet, con tanti contenuti e interattivo, per aprire le porte a produttori, registi, operatori e appassionati. E farsi conoscere anche da nuovi pubblici e professionalità come, per esempio, il mondo dei videogame.

Jack Savoretti videoclip (Credit Expositore)

L’interfaccia digitale degli Studios, spiega una nota, è stata rinnovata in linea con gli investimenti che mirano a restituire agli studi e ai laboratori di postproduzione un livello tecnologico degno dei competitor internazionali.

Tutte le informazioni tecniche, commerciali, di intrattenimento, dalle riprese alla post-produzione, dal restauro della pellicola agli eventi, alle location più belle sono contenute sul nuovo portale. ‘Studi’, ‘Servizi’ e ‘Soluzioni’ sono le aree in cui è suddiviso il sito compreso il vademecum su come ‘Girare in Italia’. Il tutto in italiano e inglese.

C’è anche la mappa interattiva di Cinecittà. Una modalità di navigazione che permette, puntando sui singoli Teatri, di accedere a una scheda di approfondimento con i dati tecnici (metratura, impianti, particolarità) e una galleria fotografica , facilmente scaricabile e condivisibile. Un modo per entrare dentro a tutti i Teatri di Posa e le strutture portanti di Cinecittà.

Il nuovo logo

A margine del lancio di cinecittastudios.it è stato inoltre introdotto il logo degli Studios. Un’immagine che riunisce il tradizionale marchio Luce alla dicitura ‘Cinecittà Studios’, a riunire i 95 anni del Luce e gli 80 di Cinecittà in un’unica compagine. Per integrare attività culturale e di servizio, e risposta alle domande del mercato. Il logo di Studios nelle campagne di comunicazione del 2019 porterà con sé anche un significativo claim: ‘Where dreams are made’.

Cinecittà, ricorda la nota stampa, vanta 3mila film girati, di cui 51 vincitori di Oscar; 400mila metri quadri di spazi produttivi alle porte della Capitale, 19 Teatri di posa, centinaia di uffici, camerini, sale trucco, 100mila metri quadri di backlot e 4 set permanenti. E nel prossimo futuro due nuovi grandi teatri, un grande studio dedicato al green screen e alla motion capture e una piscina per le riprese subacquee.

A luglio 2017 gli Studi di Cinecittà sono ritornati sotto il controllo di Istituto Luce Cinecittà (società interamente partecipata dal MEF e vigilata dal MiBAC). E Cinecittà è anche tornata a ospitare produzioni internazionali come, per fare qualche esempio, ‘Il Nome della Rosa’, ‘The New Pope’ e Catch 22. E continuano anche ad ospitare grandi eventi, pubblici e privati.

Il nome della rosa (©Fabio Lovino)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Champions in chiaro su Mediaset per il prossimo biennio, tribunale respinge il ricorso Rai

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Rai, l’ad Salini scrive a direttori tg e reti: “Equilibrio e imparzialità”

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi

Ok alla fusione fra Viacom e Cbs: nasce ViacomCbs, big dei media da 28 miliardi