Condè Nast, Roger Lynch è il nuovo ceo. L’ex capo di Pandora prende il posto di Bob Saueberg

Sarà Roger Lynch il nuovo ceo di Condè Nast. Lynch subentra nell’incarico a Bob Saueberg, che ha ricoperto il ruolo di ceo per ben 18 anni. Fondatore di SlingTV, Lynch vanta una lunga esperienza nel campo dei media e degli investimenti, è stato infatti presidente del cda e ceo di Video Networks International e poi invesment banker della Morgan Stanley. Recentemente Lynch ha ricoperto il ruolo di presidente e ceo della piattaforma americana di musica streaming Pandora.

Roger Lynch

La sua nomina si affianca a quella di Jonathan Newhouse, ex ceo di Condè Nast International con sede a Londra e che da oggi ricoprirà il ruolo di presidente del cda, di cui fa parte anche Steven Newhouse.

“In qualità di compagnia globale abbiamo l’opportunità di accelerare l’evoluzione dell’esperienza di consumo del nostro pubblico, per trasmettere valori sempre nuovi” ha dichiarato Lynch in una nota.

Lynch è il primo ceo che si occuperà del nuovo corso di Condè Nast dopo la fusione tra Condè Nast US e Condè Nast International.  L’editore americano ha l’obiettivo di ristabilire la difficile situazione finanziaria e di favorire la digitalizzazione stessa dell’azienda, che era già stata annunciata a novembre, quando era stata avviata l’integrazione tra le due divisioni (che hanno da sempre lavorato separatamente).

Condè Nast, unendo le due entità aziendali spera di poter competere in maniera più efficace e a livello globale contro i colossi della Silicon Valley, Facebook e Google, sopratutto sul fronte pubblicitario.

“Pensiamo che Roger sia la persona giusta per guidare Condè Nast in questa nuova fase di crescita e trasformazione a livello globale”, ha spiegato Jonathan Newhouse.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio